venerdì 30 novembre 2018

Giubbotti gialli a Bruxelles: una serie di notizie

30 novembre 2018        secoursrouge.org


Questo 30 novembre diversi appelli  sono stati lanciati dai "giubbotti gialli" per manifestare a Bruxelles. Cercheremo di pubblicare le informazioni qui durante il giorno.Ore 11: Circa una sessantina di giubbotti gialli sono raccolti al Carrefour Arts-Loi e altri 45 attorno a Bruxelles-Midi. La polizia antisommossa è piazzate anche vicino alle principali stazioni ferroviarie. Diverse persone, tra cui almeno tre donne, sono già state arrestate, apparentemente perché avevano i giubbotti gialli nelle loro borse.11:05: La polizia ha annunciato di aver arrestato circa 30 persone nelle stazioni di Bruxelles-Sud e Bruxelles-Centrale per "possesso di armi proibite".11:10: Tunnel Tervueren, Cinquantenaire e Loi sono chiusi in direzione Centro. L'area di polizia di Bruxelles-Ixelles ha detto che "le persone sono invitate ad andare a Arts-Loi per un'azione pacifica", il che sembra indicare che questo rally è tollerato per il momento.11:30: nessun giubbotto giallo e pochi poliziotti visibili alla stazione di Bruxelles-Midi.12,00: meno di venti giubbotti gialli all'Arts-Loi. La polizia blocca Rue de la Loi. La polizia ha ordinato la chiusura della stazione della metropolitana di Parc. Il commissario Vandersmissen è a Trône.14,00: Scontri esplosi ad Arts-Loi. La polizia antisommossa controlla l'accesso alla stazione ed è presente sulle scale e alle uscite.14:03: La stazione di Trône non è attualmente controllata.14:10: gli scontri continuano. Le barricate sono state erette dai manifestanti. Due auto della polizia vengono distrutte. La polizia circonda l'intero incrocio con  e carica.14:45: gilet gialli sono inseguiti in Boulevard Pacheco dalla polizia e nelle strade adiacenti.14:55: i manifestanti sono bloccati dalla polizia. Cento arresti.15:05: Diverse centinaia di manifestanti sono assembrati in un parallelo del boulevard Pacheco (Rue Saint-Laurent). Alcuni dei manifestanti si stanno dirigendo verso il distretto Madou.15:20: Il giornalista Brut riceve il suo passaporto e viene arrestato violentemente dalla polizia.15:45: Sembra che non ci siano presidi fuori dalla trappola di Saint-Laurent Street.15:50: 15:55: La polizia ha lasciato i dimostranti fuori dalla Rue Saint-Laurent (tra le 200 e le 300 persone) purché vengano perquisiti, gettino i giubbotti gialli e diano la loro carta d'identità.16.10: Philippe Close, sindaco di Bruxelles, ha dichiarato la manifestazione "vietata", chiunque "manifestasse" (o che indossi soltanto un giubbotto giallo ) verrà arrestato. Ha anche detto che "la polizia ha mantenuto il controllo della situazione", mentre le barricate lungo la piccola cintura delle Arti-Loi Botanique,  mobili e masserizie in  strada, vetrine delle banche sono state distrutte e a volte bruciate.



Due furgoni della polizia in fiamme a Arts-LoiDue furgoni della polizia in fiamme a Arts-Loi
Giubbotti gialli nassés a Bruxelles il 30 novembre

Bruxelles / Rojava: proiezione di "Dobbiamo prendere le armi" questo 14 dicembre


30 novembre 2018           secoursrouge.org

L'International Freedom Battalion (IFB) è un'unità combattente dell'YPG, le milizie kurde che guidano e difendono la rivoluzione del Rojava nel nord della Siria. La rivoluzione del Rojava ha portato un modello sociale progressista e democratico, che difende le donne e le diverse popolazioni che vivono nella regione.L'IFB prende come modello le Brigate Internazionali che difesero la Repubblica spagnola nel 1936. Il film è un documento politico e militare che esprime chiaramente la sua solidarietà con il battaglione e le cause che difende. Il film, girato a Raqqa, sarà seguito da una discussione con Andi, segretario del Soccorso Rosso Internazionale, partecipante alle riprese del film.Una coabitazione Secours red / ACJJ, questo venerdì 14 dicembre alle 19h, presso "Maison Commune l'Aurore", 162 Rue du Midi, 1000 Bruxelles.



Dobbiamo prendere le armi

mercoledì 28 novembre 2018

Colombia: comandante ELN fatto prigioniero

28 novembre 2018   secoursrouge.org


Le autorità colombiane hanno annunciato di aver catturato un comandante ELN soprannominato "Carlos Acosta" nel dipartimento settentrionale di Santander, al confine con il Venezuela. Questo è il comandante del fronte nord-orientale dell'ELN che aveva responsabilità nel finanziamento per l'equipaggiamento militare della guerriglia. Inoltre, era un esperto nella produzione di ordigni esplosivi con cui i combattenti attaccavano l'esercito e danneggiavano le infrastrutture stradali, energetiche e petrolifere di Catatumbo .



Combattenti ELN

Perù: Assoluzione della leadership di MOVADEF


28 novembre 2018          secoursrouge.org


La giustizia peruviana ha assolto tre leader MOVADEF (Movimento per l'amnistia e diritti fondamentali) che sono stati accusati di terrorismo, perché il loro organo di stampa "Amnistia generale" , aveva definito Abimael Guzmán, il "Presidente Gonzalo" PCP-SL, il " maggiore intellettuale, filosofo, marxista, leninista, maoista del nostro tempo ". L'ufficio del procuratore antiterrorismo, che aveva aperto un'inchiesta, ha richiesto 12 anni di reclusione per i capi del MOVADEF Alfredo Crespo, Oswaldo Alberto Esquivel Mego e Manuel Fajardo (poi deceduto).Il processo è iniziato nel dicembre 2017. Il giudice ha stabilito che la pubblicazione non violava l'ordine pubblico e che non si poteva accusarli di   terrorismo. Considerato come il braccio legale del PCP-SL, il MOVADEF si trova di fronte a numerose azioni giudiziarie, volte in particolare a impedire che partecipi alle elezioni.


Alfredo Víctor Crespo Bragayrac

Belgio / Palestina: Mustapha Awad condannato a 1 anno di carcere


28 novembre 2018           secoursrouge.org


Mustapha Awad, un cittadino belga di origine palestinese, è stato condannato mercoledì (28 novembre) da un tribunale israeliano a 12 mesi di carcere per "appartenenza a un'organizzazione illegale" ( il FPLP). Il 19 luglio scorso era stato  arrestato al confine tra Giordania e Palestina occupata .


Mobilitazione all'ULB per Mustapha Awad

Stati Uniti / Messico: la polizia spara proiettili di gomma sui migranti al confine con il Messico.


28 novembre 2018          secoursrouge.org


Domenica 25 novembre, dopo una manifestazione pacifica lungo il confine statunitense, diverse centinaia di persone nella carovana di migranti hanno cercato di attraversare il confine tra il Messico e gli Stati Uniti. La polizia ha usato proiettili di gomma e gas lacrimogeni. Domenica notte, gli incroci tra Tijuana e San Diego erano chiusi alle auto e ai pedoni.Circa 5.000 persone provenienti da diversi paesi centroamericani sono arrivati  a Tijuana (Messico) dopo aver percorso più di 4.000 chilometri di poco più di un mese. Di fronte a loro, circa 9.000 soldati americani sono stati dispiegati al confine con il Messico per impedire ai migranti di entrare nel territorio USA. Il presidente Donald Trump ha presentato un decreto per rifiutare automaticamente le richieste di asilo da parte di persone illegalmente entrate negli Stati Uniti, ma la corte di giustizia ha finora bloccato il provvedimento.



.

Senegal: gli studenti si scontrano con la polizia a Dakar

27 novembre 2018         secoursrouge.org


"Vogliamo studiare" è lo slogan brandito da studenti orientati nelle scuole private in Senegal. Hanno bruciato e bloccato la strada Cheikh Anta Diop Avenue a Dakar. Chiedono il pagamento del debito contratto dallo Stato negli stabilimenti privati ​​in modo che possano tornare nelle aule. Il budget per l'istruzione superiore, la ricerca e l'innovazione è stato infine votato. Lunedì il ministro della supervisione ha annunciato il pagamento di 3 miliardi di debiti con 13 miliardi di franchi CFA che lo stato del Senegal deve alle università private del Senegal.



Gli scontri a Dakar

Turchia: sciopero della fame dei prigionieri TKP / ML



27 novembre 2018            secoursrouge.org


Prigionieri del TKP / ML hanno annunciato che avrebbero iniziato uno sciopero della fame dal 29 novembre al 1 ° dicembre in solidarietà con la prigioniera politica Leyla Güven. Questo membro curdo dell'HDP è detenuta nella prigione di Diyarbakir. Attualmente è in sciopero della fame da 20 giorni contro le sue condizioni di detenzione e quelle di Abdullah Öcalan.



Leyla Güven

martedì 27 novembre 2018

Belgio: stage retribuiti presso la polizia ...

26 novembre 2018        secoursrouge.org


Presto sarà possibile per i giovani fare tirocini retribuiti con la polizia. Le autorità sperano di fare appello a coloro che hanno meno di 25 anni per diventare agenti di polizia, specialmente quelli con profili specifici come specialisti IT. I giovani fino a 25 anni possono quindi richiedere un tirocinio retribuito, ad esempio presso la polizia, l'OCAM o il Centro di crisi. Tutti i servizi di polizia dovrebbero offrire posti, ma i tirocinanti ovviamente non saranno obbligati a eseguire arresti o usare un'arma.La polizia federale non ha agenti del 1829, secondo le cifre fornite dal ministro degli Interni alla commissione di follow-up degli attacchi del 22 marzo. Dopo tre anni di declino nelle forze di polizia federali, il numero di ufficiali è aumentato nel 2017. Il 1 ° gennaio, ci sono stati altri 204 poliziotti in più di un anno fa. Ma i quadri restano incompleti in tutti i dipartimenti tranne la DG Risorse e gestione delle informazioni (DGR). Ironia della sorte, questo settore è dove si trova la cellula di reclutamento.


All'Accademia di polizia

UE / Kurdistan: decisione legale favorevole al PKK


26 novembre 2018         /secoursrouge.org


Il PKK è presente dal 2002 nell'elenco delle organizzazioni terroristiche, emesso all'interno dell'Unione europea. Sono stati fatti numerosi ricorsi per annullare questa registrazione. L'ultimo appello era il 16 aprile 2017. Giovedì 15 novembre, il Tribunale dell'Unione europea ha dichiarato che non c'erano prove sufficienti per collocare il PKK nell'elenco delle organizzazioni terroristiche fino al 2017, che dovrebbe decidere la giurisprudenza per l'anno successivo.La decisione di mantenere il PKK nell'elenco delle organizzazioni terroristiche si basa su un ordine dell'Assemblea del Ministero dell'Interno del Regno Unito, sui rapporti degli Stati Uniti e sulle decisioni dei tribunali francesi. Tutto ciò si riferisce a fatti avvenuti tra gli anni '90 e i primi anni 2000. Di conseguenza, secondo la Corte, le prove di una "persistente minaccia terroristica" non sono state dimostrate. In secondo luogo, la Corte ha ritenuto che la Commissione non avesse sufficientemente studiato gli elementi invocati. In terzo luogo, la Corte ha concluso che il Consiglio non aveva sufficientemente motivato e tenuto conto degli argomenti per i quali il PKK non dovrebbe figurare in tale elenco.Poiché tutti gli Stati dell'Unione europea hanno la responsabilità di rispettare il verdetto, e al di là di ciò, gli interessati, membri del Consiglio d'Europa, dovranno annullare tutte le decisioni prese dai singoli Stati. Il rinnovo delle iscrizioni nell'elenco delle persone e organizzazioni terroristiche si svolge ogni sei mesi minimo. Pertanto, se alcuni Stati potrebbero supportare le loro conclusioni con nuovi elementi, sarebbero comunque in grado di collocare il PKK in questo elenco.



La sede della CGUE

Turchia: i prigionieri di PKK e PJAK iniziano uno sciopero della fame di 10 giorni

.



26 novembre 2018            secoursrouge.org


Martedì 27 novembre,i prigionieri del  PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan) e del PJAK (Partito delle donne libere del Kurdistan) avvieranno uno sciopero della fame alternandolo per 10 giorni per chiedere la fine della Isolamento imposto al leader del PKK, Abdullah Öcalan. La scelta della data è storica per il PKK e il PJAK il 27 Novembre è anche l'anniversario della fondazione del partito creato nel 1978. Denis Kaya, portavoce dei prigionieri politici PKK e PJAK, ha letto una dichiarazione a loro nome per denunciare le condizioni di detenzione di Abdullah Ocalan da 20 anni e per invitare i popoli turchi e curdi a riunirsi intorno a questa azione.



.

Marsiglia: Scontri alla manifestazione della Piana


26 novembre 2018           secoursrouge.org


La dimostrazione l'altro ieri contro le opere della Plaine di Marsiglia si è trasformata in scpntri a fine della giornata. Alcuni attivisti hanno lanciato oggetti contro la polizia. La polizia ha sparato gas lacrimogeni. Due persone sono state arrestate dal BAC (squadra anti-crimine) e dal CRS. La sicurezza pubblica li accusa di avere lanciato oggetti contro la polizia e ostacolato l'azione delle forze dell' ordine.




Scontri a "La Plaine"

Turchia: arresti di massa contro sindacalisti e membri dell'HDP


26 novembre 2018                  secoursrouge.org


Oggi, una grande operazione di repressione politica è iniziata in Turchia. Molti sindacalisti, politici e avvocati, co-presidente del SES, Gönül Erden e l'ex deputato HDP Mülkiye Birtane sono stati arrestati ad Ankara, Izmir, Amed, Istanbul e Bursa.Tra gli arrestati durante l'operazione di Ankara vi erano membri dell'Unione dei lavoratori sanitari e sociali (SES), l'Unione dei lavoratori dei servizi amministrativi municipali e locali (TÜMBEL-SEN) e il Partito democratico. del popolo (HDP). Amed è un ex parlamentare dell'HDP che è stato arrestato dopo una perquisizione della sua casa. Durante le incursioni ad Izmir, sono state arrestate più di 20 persone, tra cui Mahfuz Güleryüz, membro del Comitato esecutivo centrale dell'HDP, e Gülay Gün Bilici, membro dell'assemblea del partito. Gli arresti hanno avuto luogo anche a Istanbul e Bursa.



Ricerca di uffici HDP a Istanbul (archivio)

lunedì 26 novembre 2018

Belgio / Turchia: dimostrazione contro la violenza di genere

25 novembre 2018         secoursrouge.org


25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne ha visto centinaia di migliaia di manifestanti in marcia in tutto il mondo. Tutto non è andato  pacificamente. In Turchia, migliaia di donne hanno cercato di dimostrare in due punti diversi nelle città. Manifestazioni non autorizzate, la polizia ha usato gas lacrimogeni e scudi per disperdere i manifestanti.


La repressione della manifestazione a Istanbul

La repressione della manifestazione a IstanbulA Bruxelles, l'evento ha riunito più di 5.000 persone. Compagni della campagna di Shengal hanno marciato con i loro compagni turchi e curdi a sostegno delle donne combattenti del Kurdistan.



All'evento di Bruxelles

India: arresto di due membri di una brigata maoista


25 novembre 2018       secoursrouge.org


Due uomini accusati di essere coinvolti in diverse azioni attribuite ai guerriglieri maoisti sono stati arrestati questo sabato a Kaliveru, in Telengana. Sono stati arrestati da una brigata congiunta della polizia locale e della CRPF durante un controllo del loro veicolo. Erano ricercati per due casi criminali, nonché per la posa di esplosivi in ​​varie aree della regione.


Stato di Telengana

Colombia: due soldati uccisi in un attacco dell'ELN



25 novembre 2018      secoursrouge.org


Sabato, 24 novembre, l'ELN ha condotto un attacco esplosivo che ha causato due feriti e due morti tra i soldati dell'esercito colombiano. I soldati hanno pattugliato il gasdotto Caño Limón Coveñas vicino alla città di confine di El Tarra quando sono stati colpiti dall'esplosione. ELN e il governo colombiano stanno ancora negoziando a Cuba per tentare di raggiungere un cessate il fuoco.


Combattenti ELN (archivi)

Svizzera: scontri alla contromanifestazione antifascista a Basilea


25 novembre 2018       secoursrouge.org


Gruppi di estrema destra, tra cui il Partito nazionalista svizzero (PSN), hanno chiesto una manifestazione sulla Messeplatz contro il Patto delle Nazioni Unite sulla migrazione. Avevano ricevuto un'autorizzazione dal cantone di Basilea Città. Trenta persone hanno risposto all'appello dei fascisti. Tuttavia, quando sono arrivati  in piazza verso le 14:00,  li stavano aspettando circa 300 antifascisti. Altri antifa si sono uniti a loro in seguito. Nelle strade adiacenti, la polizia è stata dispiegata con un dispositivo di grandi dimensioni. Erano presenti anche rinforzi di altri cantoni. Un elicottero della polizia stava sorvolando la città. Nessuna richiesta di autorizzazione era stata presentata per la contro-dimostrazione degli antifa.
I fascisti si sono mossis attraverso uno stretto passaggio in una strada vicina, protetta dalla polizia che conteneva la folla di contro-manifestanti. Gli antifa hanno cercato di forzare il blocco di polizia che ha provocato violenti scontri. Gli antifascisti hanno gettato materiali da costruzione e bottiglie contro gli agenti di polizia che sparavano con proiettili di gomma. Quasi 200 persone sono state sottoposte a controlli e due sono state messe in detenzione preventiva. Due partecipanti alla contro-dimostrazione sono rimasti leggermente feriti.


Antifas per le strade di Basilea

Perù: arresto di un maoista ricercato


25 novembre 2018       secoursrouge.org


Gli ufficiali della Direzione contro il terrorismo (DIRCOTE) hanno catturato Abel Preciado Humberto Aguilar, conosciuto come "il compagno Giancarlo" arrestato nella città di Chiclayo. Abel Aguilar Humberto Preciado era ricercato da anni dalla polizia che lo accusano di aver ricoperto posizioni importanti nel PCP-SL, e in particolare nella propaganda della Zona Est del Consiglio di Lima Metropolitana. Sarebbe stato responsabile nella rivista "El Diario".


Abel Humberto Preciado Aguilar, noto come il "compagno Giancarlo"

domenica 25 novembre 2018

Francia / Belgio: dimostrazioni e arresti in Francia e Belgio

24 novembre 2018         secoursrouge.org


Questo sabato, 24 novembre, oltre 80.000 persone hanno partecipato alle azioni dei giubbotti gialli organizzate in Francia e Reunion. Assemblee ed eventi si sono svolti a Lille, Lione, Tolosa, Limoges, Carcassonne ... e a Saint-Denis . Sono state organizzate barricate, ed altre operazioni come rendere gratuiti i pedaggi su strade e aree commerciali.A Parigi, la manifestazione era stata vietata dalla prefettura. I "giubbotti gialli" avevano respinto la proposta di riunirsi sul Campo di Marte, rifiutandosi di essere "parcheggiati" lontano dai luoghi di potere parigini e hanno annunciato che avrebbero manifestato "nel distretto degli Champs-Elysées" durante "tutto il giorno". La polizia non ha potuto  contenerli in cima agli Champs-Elysées, i manifestanti hanno potuto finalmente avanzare fino a Place de la Concorde dove la polizia aveva rafforzato la sicurezza. Sono stati sparati gas lacrimogeni e la polizia ha utilizzato i cannoni ad acqua per rimuovere i giubbotti gialli. Dall'altro lato, i giubbotti gialli costruivano barricate con ogni genere di materiale  e divelto i san pietrini dalla strada per lanciaqrli contro la polizia. 

 Verso le 15, c'erano otto feriti (inclusi 2 gendarmi).In Belgio, numerose attività notturne hanno avuto luogo nella notte del Venerdì 23 e Sabato 24 a Binche, Pommeroeul, Erquelinnes e Charleroi ... L'atostrada A7 / E19 Mons-Bruxelles sono state chiuse Venerdì pomeriggio. Sabato mattina sono stati organizzati blocchi in vari luoghi. Diversi giubbotti gialli sono andati all'aeroporto di Bierset, nella provincia di Liegi, per bloccare i camion e filtrare uno per uno tutti i mezzi che transitavano.Nel centro della città di Charleroi, la polizia di Anversa è intervenuta a dare manforte per  affrontare una rivolta. Un cannone ad acquz è stato usato per disperdere i manifestanti. Due persone sono state arrestate.



Camion in fiamme sugli Champs Elysees

Iran: sindacalista condannato a un anno di prigione


24 novembre 2018       secoursrouge.org

Domenica 18 novembre, Khalil Karimi, un militante della Libera Unione commerciale dei lavoratori iraniani, è stato condannato a un anno di prigione dal tribunale rivoluzionario di Sanandaj. È condannato per la propaganda contro lo stato. In particolare, è accusato di aver partecipato alla Giornata internazionale dei lavoratori (1 maggio) e di una campagna contro la pena di morte comminata a Ramin Hossein Panahi, un attivista di Komala giustiziato a settembre .



Khalil Karimi

sabato 24 novembre 2018

Sudafrica:violento sciopero dei minatori di Sibanye

23 novembre 2018           secoursrouge.org


Lo sciopero nella miniera di platino di Sibanye vicino a Rustenburg ha provocato violenze diffuse tra gli scioperanti e il personale di sicurezza che ha usato armi da fuoco. In questi scontri si aggiungonole tensioni tra i due sindacati dei minatori, l'Associazione dei minatori e la costruzione dell'unione (AMCU), prima unione di miniere di platino e l'Unione Associazione Nazionale Mineraria (NUM, meglio stabilita nelle miniere d'oro). Un minatore di NUM è stato colpito da sei proiettili ed è morto per le ferite riportate.

Sindacalisti AMCU

Corsica: tre militanti indipendentisti ricevono una multa di 500 euro


23 novembre 2018             secoursrouge.org

Mercoledì 21 novembre, la Corte d'Appello di Bastia ha confermato il giudizio di 500 euro di multa contro tre militanti indipendentisti, Stéphane Tomasini, Felix Benedetti e Jean Marc Dominici. Nel 2017 avevano rifiutato di ottemperare agli obblighi (in particolare in termini di campionamento del DNA e impronta biologica) relativi alla loro registrazione nel fascicolo giudiziario nazionale dei delinquenti terroristi. I tre attivisti sono stati arrestati a maggio 2017 come parte delle cause relative alle manifestazioni indipendentiste dell'ottobre 2016 .


Gli scontri a Bastia (archivio)

venerdì 23 novembre 2018

India: una donna maoista uccisa


22 novembre 2018     secoursrouge.org



Un guerrigliero è stato ucciso martedì durante uno scontro con le forze di sicurezza nel distretto di Sukma. La sparatoria ha avuto luogo nel corso del pomeriggio, nei pressi del villaggio di Burdhapara nel distretto Sukma (Chhattisgarh), mentre i soldati stavano conducendo un'operazione contro insurrezione. Una squadra congiunta della Task Force speciale e la guardia di riserva Distretto hanno circondato una zona intorno alla città di cui sopra, quando ha intercettato un gruppo di guerriglieri. E' seguito uno scontro a fuoco  pesante prima che i maoisti si ritirassero. La compagna  maoista, Hemla Ayathi, era un membro di una brigata locale del PCI(maoista) Un'operazione di rastrellamento è stata immediatamente lanciata per cercare di catturare i suoi compagni.



Distretto di SukmaDistretto di Sukma

giovedì 22 novembre 2018

Francia / Reunion: un gendarme si è ferito alla mano con la sua stessa granata


21 novembre 2018              secoursrouge.org


16 poliziotti e 14 gendarmi, sono stati feriti a Reunion durante gli scontri nell'isola paralizzata da una cinquantina di  "gilet gialli". Un comandante Gipn  si è fatto esplodere accidentalmente  una granata tra le mani mentre era nel suo veicolo preso a sassate  da giovani manifestanti. Stasera uno squadrone di 80 gendarmi è partito da Parigi per rinforzare la polizia.



Granate in organico nella gendarmeria francese

mercoledì 21 novembre 2018

Filippine: Guerrilla colpisce i paramilitari

21 novembre 2018           secoursrouge.org


Un miliziano paramilitare è stato ucciso e un altro  ferito in un'imboscata di guerriglieri maoisti. Entrambi i paramilitari appartenevano alle unità della CAFGU (unità geografica della forza armata del cittadino) assegnate al lavoro anti-guerriglia. Sono stati presi di mira dai guerriglieri dell'NPA a San Jorge, nella provincia di Samar.



Addestramento alla milizia CAFGU (immagine archivio)

Cile: Scontri a Temuco dopo la morte del giovane Mapuche


21 novembre 2018         secoursrouge.org


I manifestanti protestano contro l'uccisione del giovane mapuche da parte della polizia ( vedi l'articolo ) hanno eretto barricate e si sono scontrati con la polizia nei pressi dell'Università di Frontera (IUFRO) a Temuco, capitale della Araucanía .



Nella città di Temuco

Francia / Belgio: Scontri ai posti di blocco dei "giubbotti gialli"


20 novembre 2018          secoursrouge.org


Le dimostrazioni e i blocchi stradali organizzati dai "giubbotti gialli" hanno provocato 400 feriti, di cui 14 seriamente, sabato in tutta la Francia. Questo movimento di "giacche gialle", con riferimento ai riflettenti giubbotti automobilisti, è stato organizzato in Francia e Belgio senza il sostegno sindacale o politico, con la sola forza delle reti social in risposta alle imposte del carburante. I borbottii si sono trasformati successivamente in una serie di richieste di cittadini arrabbiati dalle riforme del governo. Sabato scorso, centinaia di migliaia di persone hanno manifestato in tutta la Francia in oltre 2000 località.Le proteste, per lo più disorganizzate, hanno provocato scontri in diversi luoghi, provocando 282 arresti e 28 feriti tra polizia, gendarmi e pompieri. Sabato mattina, una manifestante è stata uccisa quando è stata colpita da un conducente in preda al panico dopo essere stata circondata da "giubbotti gialli".In Belgio, il blocco dai "Yellow Jackets" del sito della compagnia petrolifera Total in Feluy (Seneffe) è stato sollevato Lunedi a mezzogiorno dopo un intervento della polizia, ma nella notte di Lunedi al Martedì, un Arbraè stato sparato dall'altra parte della strada e un camion cisterna è stato dato alle fiamme. La polizia è intervenuta anche a Wandre e Sclessin.


Diga di "giubbotti gialli" a Caen

Haiti: repressione mortale delle manifestazioni contro la corruzione


20 novembre 2018      secoursrouge.org


Da quest'estate, le dimostrazioni si sono moltiplicate per richiedere la responsabilità nel file Petrocaribe, dal nome del programma di prestiti concesso dal Venezuela dal 2008 come parte dell'acquisto di prodotti petroliferi. Nel 2016 e 2017, due indagini del Senato haitiano sull'uso improprio di quasi due miliardi di dollari di questo fondo avevano bloccato una dozzina di ex ministri del partito attualmente al potere, ma mai i rapporti sono stati seguiti da accusa.Domenica, grandi manifestazioni hanno paralizzato tutte le attività nei centri urbani, dove diverse migliaia di persone, tra cui una grande maggioranza di giovani, hanno marciato nelle principali città del paese. 11 manifestanti sono stati uccisi secondo l'opposizione, tre secondo la polizia. La situazione è rimasta tesa lunedì nel paese, in particolare nell'area metropolitana di Port-au-Prince, deserta a seguito di una chiamata allo sciopero lanciata dall'opposizione. Solitamente congestionato dal traffico e dalle imprese informali, le principali arterie della capitale sono rimaste vuote, senza veicoli di transito visibili. La presenza della polizia era evidente nei principali incroci della città, ma le barricate, a volte infiammate, impedivano qualsiasi passaggio su determinati assi.



Dimostrazione domenica ad Haiti

Palestina: 25 manifestanti feriti a Gaza



20 novembre 2018            secoursrouge.org


Venticinque manifestanti palestinesi sono stati feriti ieri durante gli scontri con l'esercito israeliano nel nord della Striscia di Gaza. Le manifestazioni, che si svolgono ogni lunedì nella città di Beit Lahya, fanno parte del movimento di protesta lanciato a fine marzo nell'enclave per chiedere la revoca del blocco israeliano nella Striscia di Gaza. Almeno 235 manifestanti palestinesi sono stati uccisi dall'esercito israeliano durante queste manifestazioni.


Protesta palestinese ieri a Gaza

martedì 20 novembre 2018

Bruxelles:un centinaio di manifestanti contro Macron

20 novembre 2018          secoursrouge.org


Un centinaio di manifestanti hanno marciato da Piazza Mosca a Avenue Louise questo lunedì sera a Bruxelles, mentre il presidente Macron era in visita alla famiglia reale belga. Gli attivisti francesi hanno preso parte alla manifestazione e hanno parlato su Avenue Louise, di fronte a Banque Rothschild, dove Macron ha trascorso parte della sua carriera. Gli interventi hanno stilato un inventario della repressione sotto Macron, che è contro i lavoratori, gli studenti, lo ZAD, contro la mobilitazione di fronte alle "Leggi sul lavoro", ecc. I manifestanti sono tornati in corteo insieme alla Piazza di Mosca, dove si è svolto un ultimo intervento di solidarietà con i militanti anti-Lione.

Francia: Castaner decora la polizia coinvolta nella violenza contro i giubbotti gialli

20 luglio 2019 Castaner ha assegnato medaglie a 9.000 poliziotti coinvolti in casi di violenze commesse dalla polizia principalmente du...