lunedì 31 dicembre 2018

Francia / Belgio / Paesi Bassi: gillet gialli atto VII

31 dicembre 2018                  secoursrouge.org

Per l'atto VII più di un mese e mezzo dopo l'inizio del movimento, i "giubbotti gialli" si sono mobilitati in numero minore. A Marsiglia come a Bordeaux, dove sono scoppiati scontri tra manifestanti e polizia. A Parigi, in cui 57 persone sono state arrestate e 33 posti in custodia, diverse centinaia di "giacche gialle" hanno manifestato al grido  "collaboratori giornalisti" presso i locali di BFMTV e France Télévisions. Scontri sono scoppiati anche a Rouen, dove è stato bruciato il portone della Banca di Francia, e di Nantes, dove i primi colpi di gas lacrimogeni sono partiti sin dall'inizio della manifestazione.A Metz, manifestanti hanno lanciato sampietrini e grate dei tombini contro la polizia e a Lille, dove gli eventi precedenti si sono svolti pacificamente, diverse persone sono rimaste ferite. Gli incidenti hanno avuto luogo anche a Tolosa. Sulle autostrade, solo alcuni svincoli sono stati chiusi e sono state effettuate alcune operazioni di pedaggio. In una lettera ai prefetti, il ministro dell'Interno Christophe Castaner, ha chiesto la "liberazione completa e definitiva" di centinaia di rotatorie ancora occupate.Nonostante il decreto emanato dalle autorità belghe e francesi che vietava la raccolta di più di cinque persone ai posti di frontiera dell'Hainaut, i dimostranti francesi in giacche gialle hanno filtrato il traffico al confine tra Belgio e Francia a Honnelles, in direzione di Bavay. In Belgio, le azioni sono state condotte sabato sul sito commerciale di Grands Prés a Mons e Jemappes. Tre "giubbotti gialli" belgi sono stati arrestati durante un'azione al confine con i Paesi Bassi, sulla E25. E a L'Aia, tra 150 e 200 "gilet gialli" olandesi hanno dimostrato e otto persone sono state arrestate dopo gli scontri.



.

USA: l'appello per Mumia potrebbe diventare possibile

.

30 dicembre 2018           secoursrouge.org


La difesa di Mumia Abu-Jamal aveva ricusato il ruolo del giudice Ronald Castille in diverse fasi del processo, una volta come sostituto procuratore e poi come giudice presso la Corte Suprema dello Stato. Il magistrato di Filadelfia Leon Tucker ha detto ieri che avrebbe dovuto ricusarsi e ha permesso alla difesa di Mumia Abu-Jamal di appellarsi alla sua condanna entro trenta giorni. Il futuro giudiziario di Mumia-Abu Jamal è ora nelle mani del procuratore distrettuale Larry Krasner, che ha ancora la possibilità di impugnare la decisione del giudice Leon Tucker.Un raduno per Mumia è in programma mercoledì 2 gennaio alle 18, Place de la Concorde a Parigi, vicino all'ambasciata americana



Mumia Abu-Jamal

Parigi: attivisti di ADHK in sciopero della fame in solidarietà con i prigionieri politici in Turchia



30 dicembre 2018              secoursrouge.org


Attivisti dell'ADHK (Confederazione europea dei diritti democratici) hanno iniziato uno sciopero della fame di tre giorni da venerdì 28 dicembre 2018 al Dersim Cultural Centre di Parigi a sostegno di Esat Naci Yıldırım e Kadir Karabak. Questi due prigionieri politici maoisti hanno fatto lo sciopero della fame in Turchia per oltre 100 giorni per chiedere la loro liberazione e il rispetto dei loro diritti democratici fondamentali



Attivisti dell'ADHK a Parigi in sciopero della fame

domenica 30 dicembre 2018

Iran: quattro sindacalisti curdi imprigionati

29 dicembre 2018             secoursrouge.org


Ai primi di dicembre, Shahou Sadeghi, Aram Mohammadi Mehrdad Sabouri e Omid Ahmadi, attivisti sindacali iraniani Kurdi Città Kamyaran (Rojilat - Kurdistan iraniano), sono stati trasferiti al Kamyaran in prigione a scontare la pena. Nel maggio 2016, i quattro sindacalisti e altri due sindacalisti curdi, Rozhin Ebrahimi e Delniya Sabouri, sono stati arrestati per la loro partecipazione al primo maggio. Rozhin Ebrahimi e Delniya Sabouri sono stati rilasciati provvisoriamente dopo l'interrogatorio e gli altri quattro su cauzione dopo una settimana di detenzione.Il 3 ottobre 2016, i processi contro i sei attivisti si sono svolti senza la presenza dei loro avvocati. La condanna è di 4 anni e sei mesi di prigione per propaganda contro lo Stato in relazione alla loro partecipazione al 1 maggio Il processo d'appello si è svolto a metà novembre 2018. Mehrdad Omid e Ahmadi Sabouri  sono stati condannati a un anno di carcere, Shahou Sadeghi e Aram Mohammadi a 91 giorni di carcere e Rozhin Ebrahimi e Delniya Sabouri a 3 giorni prigione.


Iran: 4 sindacalisti curdi imprigionati per aver esercitato la libertà di associazione

Francia: due giubbotti gialli gravemente feriti da colpi di flashball


29 dicembre 2018          secoursrouge.org


Due manifestanti a Nantes e Tolosa sono stati gravemente feriti durante gli eventi legati ai Giubbotti Gialli Act VII.A Nantes, un manifestante è stato gravemente ferito alla testa . E' stato trasportato all'ospedale universitario di Nantes e sarebbe  tra la vita e la morte. A Tolosa, un altro manifestante ha avuto un occhio forato verso le 17:30, colpito  da una pallottola sparata su St. Lucia Street, vicino a Place du Fer à Cheval.



Grave ferito a Nantes durante l'evento Yellow Vests

Palestina: manifestante palestinese ucciso a Gaza

i
29 dicembre 2018            secoursrouge.org


Un palestinese è stato ucciso venerdì da colpi di arma da fuoco israeliani durante manifestazioni e scontri vicino alla barriera di sicurezza che isola la Striscia di Gaza. Karam Fayyad, 26 anni, è stato ucciso ad est della città di Khan Younis, ha detto il portavoce del ministero, Ashraf al-Qudsa. Otto palestinesi sono rimasti feriti negli scontri. Circa 5.000 palestinesi hanno manifestato in vari punti lungo la barriera, lanciando vari oggetti contro soldati. Dal 30 marzo e dall'inizio della mobilitazione chiamata "Marcia del ritorno", almeno 240 palestinesi sono stati uccisi dal fuoco israeliano.


Manifestanti al confine di Gaza

Belgio: estensione dell'uso della videosorveglianza poliziesca


29 dicembre 2018                   secoursrouge.org


La polizia sarà in grado di ricorrere a telecamere temporanee in alcuni luoghi chiusi accessibili al pubblico, spiega un nuovo regio decreto datato 6 dicembre e pubblicato in Moniteur il 18. Questi sono i luoghi dove sono organizzati eventi di carattere culturale, sociale, festoso, folcloristico, commerciale o sportivo, che sono considerati grandi raduni. Solo le manifestazioni che rappresentano un particolare rischio per la sicurezza pubblica saranno presi di mira da questo monitoraggio specifico.Queste telecamere temporanee verranno aggiunte durante l'evento alle 300.000 telecamere permanenti già installate nelle strade, negli edifici pubblici e privati ​​o nei centri commerciali. Verranno inoltre aggiunti a bodycams già utilizzati dall'intervento della polizia. Il sindaco, d'accordo con il responsabile del luogo di riunione, e il capo del corpo di polizia  avranno quindi il diritto di chiedere lo spiegamento di tale sorveglianza di polizia durante una manifestazione "a rischio". Ogni evento sarà in ogni caso esaminato caso per caso.Oltre a questi eventi, il regio decreto annuncia anche che le telecamere temporanee verranno ora installate in tribunali per prove sensibili.



Telecamere di sorveglianza (archivio)

Sudan: altre manifestazioni e ancora repressione


29 dicembre 2018                secoursrouge.org


Dal 19 dicembre il potere del generale Omar al-Bashir sta affrontando un'ondata di proteste (durante le quali ci sono stati dei morti) in tutto il paese soprattutto contro la triplicazione del prezzo del pane nella fase di recessione economica La polizia antisommossa ha usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti a Omdurman, città gemella di Khartoum, sulla riva occidentale del Nilo a Port Sudan, Madani e Atbara città nella parte orientale del paese dove ha avuto inizio il movimento di protesta. Poliziotti e agenti di sicurezza sono stati schierati in diverse zone della capitale.I gruppi di opposizione, incluso il Partito comunista, avevano promosso proteste e dimostrazioni. Per rappresaglia,  una dozzina di personalità dell'opposizione sono state arrestate, inclusi i leader del Partito del Congresso, il Partito Comunista, il Partito Baathista e il Partito Nasserista. L'Associazione degli scrittori sudanesi, da parte sua, ha riportato l'arresto martedì del poeta Mohamed Taha. Giovedì, le autorità hanno detto che 19 persone, tra cui due membri delle forze di sicurezza, sono state uccise e più di 200 feriti dall'inizio della protesta.



Mokhtar al-Khatib

Paesi Baschi: 4 manifestanti feriti durante una manifestazione a Iruñea


29 dicembre 2018                   secoursrouge.org


Il 26 dicembre, i dipendenti di Azkoiengo Huerta de Peralta, una compagnia di giardinaggio navarrese, hanno fatto uno sciopero  per chiedere la reintegrazione di quattro lavoratori licenziati. I lavoratori si erano organizzati per migliorare le loro condizioni di lavoro. Le loro richieste principali riguardano giorni interminabili, lo stipendio pagato sotto l'importo previsto nel contratto di lavoro e l'impossibilità di ottenere un congedo. Dopo le elezioni sociali, i rappresentanti sindacali erano stati eletti alla compagnia. Dopo il lavoro sindacale svolto in azienda, i leader di Huerta de Peralta hanno licenziato quattro sindacalisti "per vendetta".Dall'inizio dello sciopero, i lavoratori hanno effettuato diverse dimostrazioni. Il 28 dicembre, quattro dimostranti sono rimasti feriti a Iruñea (Pamplona) da Foruzain (comunità della polizia della Navarra). Il sindacato LAB, la maggioranza del comitato aziendale, ha chiesto le dimissioni del direttore Maria Jose Beaumont, consigliere della presidenza di Navarra.LAB ha lanciato una dimostrazione il 12 gennaio a Iruñea e il 4 gennaio sarà organizzata una giornata di solidarietà in Azkoia.


Dimostrazione di lavoratori in sciopero da Azkoiengo Huerta de Peralta

venerdì 28 dicembre 2018

UE: rafforzamento del sistema di informazione Schengen

28 dicembre 2018               secoursrouge.org


È questo venerdì che è entrata in vigore una serie di norme che rafforzano la sicurezza alle frontiere e all'interno dell'area Schengen. Queste nuove norme dovrebbero migliorare significativamente il funzionamento del Sistema d'informazione Schengen (SIS), in base al quale 26 dei 28 Stati membri dell'UE (Irlanda e Cipro non sono ancora collegati) e 4 paesi associati (Svizzera, Norvegia, Liechtenstein e Islanda) condividono i dati sulla sicurezza. Segno della sua importanza, il SIS è stato consultato non meno di 5 miliardi di volte nel 2017 dalle autorità nazionali. Attualmente contiene circa 79 milioni di dati.Tuttavia, il SIS ha risentito di numerose lacune nella gestione dei dati, dovuta in particolare alla scarsa interoperabilità dei sistemi di informazione esistenti. Negli ultimi tre anni, le autorità dell'UE (Commissione, poi Parlamento e Consiglio) hanno riformato il sistema. Gli Stati membri avranno l'obbligo di creare segnalazioni relative al terrorismo nel sistema d'informazione Schengen rafforzato. E grazie all'interoperabilità tra SIS e gli altri sistemi di sicurezza, confine e migrazione, tutti i punti saranno presto perfettamente collegati tra loro.



Ambito del SIS

Cile: Violenti scontri durante la marcia per rendere omaggio al giovane mapuche ucciso dai carabinieri


28 dicembre 2018                  secoursrouge.org

Diverse organizzazioni mapuche si sono riunite  Giovedi 27 dicembre intorno alla Plaza de Armas a Santiago per protestare ed esprimere solidarietà con la famiglia del giovane mapuche Camilo Catrillanca, ucciso da un carabiniere La manifestazione si è svolta su invito del padre della vittima e ha chiesto le dimissioni del Ministro degli Interni.I manifestanti hanno attaccato violentemente i carabinieri, cinque dei quali hanno dovuto essere ricoverati in ospedale a causa degli scontri, uno di loro è in stato di incoscienza. 20 manifestanti sono stati arrestati in seguito a questa manifestazione. Nel frattempo, un gruppo di manifestanti ha interrotto il traffico su Ruta 5 Sur, nel distretto di Ercilla, nella regione dell'Araucanía.



Uno dei carabinieri feriti ieri

Cultura antirep: riassunto degli episodi pubblicati


28 dicembre 2018          secoursrouge.org


Sotto forma di "soap opera of summer" (2013-2016) o sotto forma di episodi separati, il sito Secours rouge esamina alcuni dei grandi elementi della cultura politica anti-repressione: cause famose, simboli noti, mobilitazioni storiche , eventi fondatori.Ecco il riassunto degli episodi pubblicati


2 ° episodio 2016: la storia di "poliziotto spray al peperoncino"2 ° episodio 2016: la storia di "poliziotto spray al peperoncino"


giovedì 27 dicembre 2018

Palestina: Settimana d'azione internazionale per Ahmad Sa'adat

27 dicembre 2018                   rhisri.secoursrouge.org


Il Samidoun Network, che organizza solidarietà con i prigionieri palestinesi, chiede una settimana internazionale di azione per il rilascio di Ahmad Sa'adat dal 15 al 22 gennaio 2019. Ahmad Sa'adat è il segretario generale del FPLP ed è stato arrestato 17 anni fa. Durante la detenzione è stato condannato a 30 anni di carcere. Per ricordare il decimo anniversario di questa condanna, la Rete di Samidoun richiede l'organizzazione di eventi e azioni per chiedere la liberazione di Ahmad Sa'adat e di tutti i prigionieri palestinesi. Maggiori informazioni qui .




Settimana d'azione internazionale per Ahmad Sa'adat

Francia: quattro gilet gialli condannati alla reclusione

27 dicembre 2018             secoursrouge.org


Mercoledì 26 dicembre, quattro attivisti dei giubbotto gialli, tra cui un attivista del PCF, sono stati condannati a pene detentive per violenza a un commissario di divisione a Valencia. Si tratta del commissario Noël Fayet, direttore dipartimentale della sicurezza pubblica della Drôme. E 'stato catturato l'8 dicembre in uno scontro con i giubbotti gialli  a seguito di un arresto a margine di una manifestazione dispersa in precedenza dalla polizia. I manifestanti sono stati  facilmente identificati grazie ai segni distintivi sui loro vestiti e alle immagini delle telecamere di sorveglianza. Le pene vanno da 9 a 18 mesi di reclusione, 6 delle quali sono sospese. La condanna più pesante è di un anno di prigione.



Diga di "gilet gialli" a Caen (archivio)

mercoledì 26 dicembre 2018

I PARAMILITARI OFFRONO RICOMPENSE PER L'UCCISIONE DI LEADER INDIGENI

http://www.contagioradio.com




19 dic 2018
L'Organizzazione Nazionale Indigena della Colombia, l'ONIC ha denunciato la comparsa di opuscoli nel nord Cauca firmati da un gruppo che si autodefinisce le Aquile Nere, essi  offrono ricompense monetarie a chi assassina leader indigeni e i membri dei consigli.
Secondo l'opuscolo,  per l'omicidio dei governatori indigeni e dei supplenti saranno pagati  5 milioni di pesos per i comandanti e coordinatori della Guardia Indigena 3 milioni, di guardie 2 milioni e coloro che lavorano come alguacili e collaboratori di questa organizzazione un milione di pesos.
Inoltre, il messaggio di minaccia le autorità indigene Esneyder Gómez Salamanca, Ruben Orley Velasco, Antonio Secue, Arcadio Troches Secue, Arcelio Silvia Noscue, Sigilfredo Pavi, Nora Elena Taquinas, Dora Mosquera, Noé Rivera e Lizardo Secue  definendoli  responsabile nei confronti del conflitto che esiste nella regione.
Aida Quilcué, membro della Commissione per i diritti umani di ONIC, ha detto che questo opuscolo è apparso qualche ora dopo la fine del l'audizione pubblica dei popoli indigeni, in cui hanno riaffermato il loro controllo del territorio nel dipartimento di Cauca, dopo l'assassinio dell' autorità indiano Edwuin Dagua , e come un modo per garantire la sicurezza delle comunità. "Non c'è riposo per i leader sociali e indigeni in Cauca" )

"DICHIARANO GUERRA E METTONO UNA TAGLIA SUI NOSTRI LEADER INDIGENI"

Il leader indigeno ha affermato che l'omicidio di Dagua è stato commesso a 2 chilometri dal luogo in cui si trova un checkpoint militare, e ha detto che sebbene il dipartimento di Cauca sia militarizzato, non viene spiegato come gli omicidi dei leader sociali aumentino  malgrado il controllo delle strutture paramilitari.
"Quando avvengono questi fatti di morte, di omicidi e al di fuori degli opuscoli, abbiamo il dubbio su ciò che la Pubblica Forza sta facendo per la sicurezza, e per questo motivo il movimento indigeno ha affermato che la forza pubblica non è una garanzia per noi, perché alla fine ci stanno uccidendo di fronte ai militari " , ha detto Quilcue.
paras

India: arresto di un funzionario statale

26 dicembre 2018                   /secoursrouge.org


La polizia ha arrestato a Chhattisgarh, un alto funzionario nazionale della Geophysical Research Institute (NGRI) di nome Nakka Venkat Rao (54anni) per il possesso di detonatori e altro materiale incriminante nel distretto di Rajnandgaon (Chhattisgarh). Nell'NGRI, l'uomo è responsabile della conduzione di esperimenti esplosivi nella ricerca sotto la superficie della terra. È accusato di avere legami con i guerriglieri maoisti. Suo fratello, Narayan Rao, un attivista per i diritti civili a Hyderabad,avrebbe anche ricevuto da lui due dispositivi wireless, ma le autorità non hanno arrestato.  L'ispettore generale ha detto che i suoi uomini avevano ricevuto informazioni che un certo "Murthy Naxal" ICP Coordinatore Nazionale (maoista) è venuto incontro Deepak Teltumbde, membro del Maharashtra Madhya Pradesh Chhattisgarh (MMC) Area Comitato Centrale per  fargli una "consegna". La polizia ha sequestrato la letteratura maoista, un cellulare, due dispositivi wireless e 23 detonatori in possesso di Venkat Rao. Il funzionario ha aggiunto che Venkat Rao, membro dell'Unione degli studenti radicali dell'Andhra Pradesh nel 1985 aveva poi fatto una campagna per il partito maoista. Secondo lui, ha incontrato membri del CC nel 2016 e 2017. membro del comitato centrale della zona del Maharashtra Madhya Pradesh Chhattisgarh (MMC) per portargli una "consegna". La polizia ha sequestrato la letteratura maoista, un cellulare, due dispositivi wireless e 23 detonatori su Venkat Rao. Il funzionario ha aggiunto che Venkat Rao, un membro dell'Andhra Pradesh Radical Students 'Union dall' 1985, aveva poi fatto una campagna per il partito maoista. Secondo lui, ha incontrato membri del CC nel 2016 e 2017.Ed in particolare un membro del comitato centrale della zona del Maharashtra Madhya Pradesh Chhattisgarh (MMC) per portargli una "consegna". La polizia ha sequestrato la letteratura maoista, un cellulare, due dispositivi wireless e 23 detonatori imputati a Venkat Rao. Il funzionario aggiunse che Venkat Rao, un membro dell'Andhra Pradesh Radical Students 'Union nel 1985, aveva poi fatto una campagna per il partito maoista. 

Arresto di Nakka Venkat Rao

PRAGA: Azione diretta contro l'ambasciata turca






Il 23 dicembre 2018, nel pomeriggio, abbiamo condotto un'azione diretta davanti a un edificio appartenente all'ambasciata turca nella Repubblica Ceca sulla via Pevnostní, Praga - Střešovice.

Abbiamo lanciato diverse bombe fumogene sulla recinzione di questo edificio con i colori delle milizie kurde YPG e YPJ, che autorevoli Erdogan affermano essere terroristi. Il vero terrorista è ovviamente lo stato turco.

Che sia stato l'attacco non provocato ad Afrin da cui più di 160 mila persone hanno dovuto fuggire o che si tratti delle continue violazioni dei diritti umani in Turchia. La rappresentanza politica ceca che fino a poco tempo fa, durante la cosiddetta "crisi dei rifugiati", usava le milizie kurde come un esempio di "gente che non fugge ma combatte", è silenziosa anche se due cechi - Markéta Všelichová e Mirko Farkas - sono imprigionati in Turchia per sostenere le stesse identiche milizie kurde.

Erdogan non merita i tappeti rossi, ma un processo per crimini di guerra. La Turchia non è un partner commerciale o un "paese democratico". Ci rifiutiamo di allontanarci dai nostri alleati curdi che hanno combattuto per noi e sono morti nelle battaglie contro il cosiddetto Stato islamico.

Ci rendiamo conto che alcune bombe fumogene non cambieranno la politica della Turchia fascista ma speriamo che con questo atto simbolico di dissenso possiamo attirare almeno un po 'di attenzione e che possiamo ispirare gli altri che non sono indifferenti al destino di Rojava a agire in sua difesa - fare tutto ciò che nella situazione attuale ha più senso che non fare nulla.

Biji berxwedana Rojava!

24. 12. 2018 a Praga
Gruppo di affinità Acta non verba
Comitato per la difesa della rivoluzione di Rojava

(via Rojava.info)

Tunisia: Scontri dopo un'immolazione a Kasserine

26 dicembre 2018         secoursrouge.org


Lunedì, pochi giorni prima dell'ottavo anniversario della rivolta che ha posto fine alla dittatura, Aberrazak Zorgui, un giornalista freelance di un canale privato locale, si è dato fuoco a Kasserine (ovest). Una città in una delle regioni  più povere del paese. Dalla sua morte,sono in corso una serie di manifestazioni con scontri con la polizia . Kasserine è una delle prime città in cui, alla fine del 2010, le manifestazioni hanno denunciato la negligenza delle autorità e la povertà endemica, che si era trasformata in una rivoluzione contro la dittatura.


Gli scontri di Kasserine

Cina: arresto di uno studente che voleva celebrare il compleanno di Mao


26 dicembre 2018             secoursrouge.org


Qiu Zhanxuan, presidente della Marxist Society of Peking University, è stato forzatamente caricato in una macchina nera da otto poliziotti in borghese mentre era vicino alla stazione della metropolitana dell'università. Qiu ha opposto resistenza gridando: "Io sono Qiu Zhanxuan ... Non ho infranto la legge, perché mi stai prendendo, cosa stai facendo?" 
Il motivo dell'arresto sarebbe il desiderio di celebrare il compleanno di Mao Zedong. Il Partito Comunista Cinese non ha programmato nessun evento mercoledì per commemorare il 125 ° anniversario della nascita di Mao. Nonostante l'arresto di Qiu, gli studenti marxisti di tutta Pechino si sono riuniti mercoledì per celebrare l'anniversario sotto forma di flash-mob. Un altro gruppo di studenti è andato a Shaoshan, il villaggio natale di Mao.L'Università di Pechino, la più prestigiosa università in Cina, ha una lunga storia di attivismo studentesco. Le sue autorità hanno sempre impedito alla società marxista di funzionare. Incursioni della polizia avevano già colpito studenti in agosto e novembre accusati di sostenere un movimento per i diritti dei lavoratori .


Studenti marxisti in una manifestazione per sostenere una lotta dei lavoratori (archivio)

USA: rifiuto di rilascio per l'ex pantera nera detenuto da 47 anni


secoursrouge.org
26 dicembre 2018  


Il Comitato per le Scritture dello Stato di New York ha negato per la nona volta il rilascio di Jalil Muntaqim, un'ex-pantera nera incarcerata da 47 anni. La commissione di tre membri ha votato due a uno per mantenere Jalil Muntaqim in detenzione. Jalil Muntaqim, alias Anthony Bottom, è incarcerato nel carcere di massima sicurezza di Sullivan nello stato di New York.Jalil Muntaqim è stato condannato per la morte di due poliziotti uccisi in una sparatoria ad Harlem. All'epoca, l'Esercito della Liberazione Nera aveva rivendicato la responsabilità dell'attacco. Muntaqim, allora 19enne, Herman Bell e Albert "Nuh" Washington sono stati arrestati poche settimane dopo i fatti. Albert "Nuh" Washington è morto in prigione nel 2000. Herman Bell è stato recentemente rilasciato, ha espresso la sua condanna per l'azione del 1971.


Jalil Muntaqim, AKA Anthony Bottom

Francia: la prigione si chiude per due giubbotti gialli a Nancy



26 dicembre 2018                secoursrouge.org


Il presidente della Corte di Nancy, in una sentenza pronunciata nei confronti di quattro imputati arrestati durante l'atto VI dei giubbotti gialli che a Nancy aveva provocato violenti scontri con le forze di sicurezza ha condannato un lavoratore di trent'anni, che lavora in una cartoleria a Nancy, a un anno di prigione . Il giudice ha condannato a un anno di prigione anche   un fabbro di Bettendorf (Haut-Rhin), di 21 anni . Altre due persone, di 30 anni, sono state condannate a una condanna a sei mesi .



Arresto di un giubbotto giallo a Nancy

martedì 25 dicembre 2018

Turchia: sciopero della fame di prigionieri MKP

25 dicembre 2018           Turchia: sciopero della fame di prigionieri MKP


Detenuti del carcere MKP Siliviri hanno annunciato che avrebbero iniziato uno sciopero della fame per tre giorni in solidarietà con il prigioniero politico Leyla Güven. Il HDP Hakkari MP e co-presidente del Congresso della Società Democratica (DTK) è detenuto nella prigione di Diyarbakir. Ha fatto lo sciopero della fame dall'8 novembre per attirare l'attenzione dell'opinione pubblica internazionale sul regime di isolamento imposto ad Abdullah Öcalan. Molti attivisti dentro e fuori le prigioni hanno sostenuto questa iniziativa con scioperi della fame solidali in Europa, Turchia e Kurdistan.



Combattenti dell'HKO, ala armata dell'MKP (Partito Comunista Maoista)

Turchia / Kurdistan: sanzione disciplinare per uno sciopero della fame


25 dicembre 2018                    secoursrouge.org


Sebahat Tuncel, co-presidentessa del Partito Democratico delle Regioni (DBP) e attivista femminista e socialista è  detenuta dal novembre 2016 nel carcere di F-Type a Kocaeli. È stata punita per un periodo di dieci mesi, sulla base della sua partecipazione allo sciopero della fame iniziato da Leyla Güven a Bakur (Kurdistan turco) il 7 novembre, per denunciare il regime carcerario di cui è vittima Abdullah  Ocalan. Il leader kurdo, incarcerato da quasi vent'anni, è tagliato fuori da tutti i collegamenti esterni, dal 2016.

Il membro è quindi condannato all'isolamento, vietato qualsiasi contatto con il mondo esterno e tutte le attività all'interno del carcere. Questo regime disciplinare in una cosiddetta prigione di tipo F è soprannominato dalla "sepoltura" dei detenuti.


Turchia: sanzione disciplinare per l'attaccante della fame

Francia / Camerun: declassificazione di documenti sulla repressione della macchia separatista


25 dicembre 2018


Nel 2015 la Francia si è impegnata a rendere pubblici i documenti per far luce sulla repressione della maquis d'indipendenza durante l'occupazione del Camerun dal 1957 al 1969. Parte di questa documentazione è stata rubata dall'Unione della popolazione del Camerun (Upc) e sarà resa pubblico di nuova. Upc è un partito politico, fondato il 10 aprile 1948, la maggior parte dei cui leader saranno assassinati. La disponibilità di questi documenti permetterà di rivedere la storia della sanguinosa repressione che il Camerun ha affrontato dallo stato francese prima dell'indipendenza, il 1 ° gennaio 1960.



Camerun: declassificazione da parte della Francia di documenti riguardanti l'indipendenza I leader dell'UPC. Da sinistra a destra, in primo piano: Osendé Afana, Abel Kingué, Ruben Um Nyobè, Félix-Roland Moumié, Ernest Ouandié

lunedì 24 dicembre 2018

Palestina: Scontri vicino a Hebron

24 dicembre 2018                secoursrouge.org


I soldati israeliani hanno ferito molti palestinesi domenica nel campo profughi di Al-'Arroub, a nord di Hebron, nella West Bank. Le forze di occupazione hanno fatto irruzione nel campo, sparando gas lacrimogeni e granate offensive. I militari hanno effettuato ricerche mentre i manifestanti si sono opposti. Le forze di occupazione hanno anche chiuso le porte del campus locale della Palestine Technical University (Kadoorei).


Il campo di al-Arroub (archivio)

Belgio: la polizia di Liegi acquisisce software per monitorare i social network


24 dicembre 2018                 secoursrouge.org


La polizia di Liegi, in Belgio, dichiara di essere dotata di un nuovo software "analisi e sfruttamento dei social network della zona", per un budget di 26.000 euro e che sarebbe in grado di analizzare il contenuto di social network. Questo software sarebbe operativo entro poche settimane. Permetterà alle forze dell'ordine di perseguire un duplice obiettivo: raccolta di informazioni e indagini giudiziarie.
Fonte di informazioni e archivio, i social network sono anche un luogo di organizzazione in cui le autorità cercano di avere un maggiore controllo, anche per prevedere ciò che ritengono sia un disturbo per l'ordine pubblico.


Belgio: la polizia di Liegi acquisisce software per monitorare i social network

Filippine: imboscata di guerriglieri maoisti contro l'esercito

24 dicembre 2018              secoursrouge.org


I guerriglieri dell'NPA hanno teso un agguato  Martedi (18 dicembre) a Catarman, nel nord di Samar ad un veicolo militare del 43 ° battaglione di fanteria dell'esercito filippino. I soldati stavano conducendo una missione logistica quando i maoisti hanno fatto esplodere un IED sul passaggio del veicolo, prima di aprire il fuoco con armi automatiche. Quattro soldati sono stati feriti. L'esercito ha risposto al fuoco  causando intense sparatorie. Due civili sono stati leggermente feriti da proiettili vaganti.



Uno dei civili ferito nella sparatoria

Sudan: repressione mortale delle proteste contro l'aumento del prezzo del pane


24 dicembre 2018                secoursrouge.org


In Sudan, le proteste sono iniziate il 19 dicembre e sono proseguite il 21 dicembre in diverse città in tutto il paese e nella capitale, Khartoum. La popolazione protesta contro l'aumento del prezzo del pane annunciato il 18 dicembre dal governo. In totale, otto manifestanti sono stati uccisi in scontri con la polizia.Nelle strade, gli slogan invocano la caduta del regime di Omar al-Bashir, il presidente al potere dal 1989. Diversi seggi nel Congresso nazionale, il partito del capo dello stato, sono stati licenziati. Lo stato di emergenza è stato dichiarato in quattro città di provincia e il 21 dicembre l'esercito è stato schierato a Oumdurman, la città gemella di Khartoum. Diverse fonti indicano anche che Internet è stato tagliato. Questo movimento arriva in un contesto economico catastrofico con un'inflazione che si avvicina al 70% e anche la mancanza di pane e benzina. Già lo scorso gennaio i sudanesi sono scesi in piazza per protestare contro l'aumento dei prezzi dei generi alimentari. Le dimostrazioni sono state poi rapidamente frenate dalle autorità sudanesi .


Edificio bruciato durante le ultime manifestazioni a Khartoum

Francia: Yellow Gests Act 6


23 dicembre 2018              secoursrouge.org


Sabato scorso le mobilitazioni dei giubbotti gialli hanno portato a  scontri a Tolosa, Lione, Lille, Carcassonne, Nimes, Montpellier, Grenoble, Besançon, Parigi, Perpignan (A9), Rouen, Caen, Voreppe Le Magny, Nancy, Bordeaux, Amiens e Nantes. A Parigi si sono verificati incidenti, soprattutto all'incrocio tra Avenue George V e gli Champs-Elysees. Un incidente di particolare rilievo ha visto circa 20 manifestanti picchiare tre poliziotti, tra cui uno che ha lanciato una granata contro di loro.Uno dei leader dei giubbotti gialli, Eric Drouet, è stato arrestato sabato a Parigi. Sarà processato più tardi e l'ufficio del pubblico ministero chiede che gli sia vietato stare nella capitale. Creato a metà ottobre, la pagina di Facebook chiamando Eric Drouet "blocco nazionale contro carburante in aumento" è stato rapidamente seguito da decine di migliaia di persone, avviando mobilitazione nazionale il 17 novembre, il "primo atto" di giubbotti gialli.


Evacuazione di un giubbotto giallo ferito sabato

Francia: sette gilet gialli in arresto dopo una marcia a Pau

15 gennaio 2019                  secoursrouge.org Sabato 12 gennaio si è tenuto un evento notturno di gilet gialli a Pau che ha r...