giovedì 31 gennaio 2019

Parigi e Bordeaux: serate per la liberazione di Georges Abdallah

31 gennaio 2019               secoursrouge.org


La campagna unitaria per la liberazione di Georges Ibrahim Abdallah sta organizzando un grande incontro sabato 2 febbraio per la sua liberazione . Si svolgerà alle 18H presso il CICP, 21ter rue Voltaire, 75011 (metropolitana: Rue des Boulets). Sarà presente una delegazione del nosrto SRI.Leggi l'opuscolo (pdf)Inoltre, venerdì 1 e sabato 2 febbraio, presso la Point du Jour Hall / Pierre Tachou, 44 rue Joseph Brunet a Bordeaux, due serate sono organizzate dall'associazione Les Petits Tréteaux e dal collettivo Libérons Georges 33.Programma Venerdì 1 febbraio 19:30: proiezione del documentario "La verità, persa in mare. La tragedia di Mavi Marmara da parte di un sopravvissuto" Rifat Audeh 20:30: dibattito con Sarah Katz (French Jewish Union for Peace) Programma sabato 2 febbraio : 16h30: incontro e dibattito "Giovani e confinamento di Gaza a Gradignan" Sarah Katz e Jann-Marc Rouillan. 19h / 21h45: concerto aperitivo con Skapel, HPS, Son of Concrete, m. per OPA


Il poster delle due serate di Bordeaux

Marocco: 14 ° rinvio del processo ai giornalisti difensori dei diritti umani



31 gennaio 2019                       secoursrouge.org


Il processo a carico di sette giornalisti e difensori dei diritti umani in Marocco perseguiti per  aver"minato la sicurezza dello stato" è stato rinviato ieri. Questo è il 14 ° posticipo. Dall'inizio del processo nel novembre 2015, per il quale gli imputati sono a piede libero, ogni udienza dura alcuni secondi prima di essere immediatamente rinviata. L'ultima nuova udienza si è tenuta ieri davanti al tribunale di prima istanza di Rabat ed è stata rinviata immediatamente al 24 aprile.
Maati Monjib Hicham Mansouri Almiraat Hisham Mohamed Essabr e Abdessamad Ait Aicha, sono accusati di " attacco alla sicurezza dello Stato" a causa delle loro attività nella Associazione marocchina per i diritti digitali, nella Associazione marocchina per giornalismo investigativo (AMJI) o nell'associazione marocchina per l'educazione giovanile. Rischiano tra uno e cinque anni di reclusione. Rachid Tarik e Maria Moukrim sono accusati di aver ricevuto finanziamenti esteri per conto di WANI, senza informare le autorità. Sono presi di mira nella loro veste di Presidente ed ex Presidente  di AMJI.



Dimostrazione di sostegno per l'imputato, incluso lo storico Maâti Monjib

Filippine: sei guerriglieri maoisti uccisi dall'esercito



31 gennaio 2019                  secoursrouge.org


Sei sospetti combattenti dell'NPA sono stati uccisi ieri in una sparatoria a Tinambac (Camarines Sur). Lo scontro è durato 20 minuti, con i soldati della 9a divisione di fanteria che hanno sparato su un gruppo di circa 15 guerriglieri maoisti a Barangay Lupi. Quattro fucili M16 e un lanciagranate sono stati recuperati sul campo dall'esercito.



Combattenti del NPA

Iraq / Kurdistan: 80 arresti di oppositori all'occupazione turca

31 gennaio 2019                    secoursrouge.org


Mercoledì 30 gennaio, le forze di sicurezza di Duhok hanno arrestato 80 persone per rappresaglia dopo la rivolta del popolo di Behdinan, Dihok, Sheladize e Deralok contro l'occupazione turca. Ricordiamo che questi residenti avevano preso d'assalto una base militare turca nella regione  e hanno dato fuoco alle attrezzature militari ( vedi il nostro articolo ). Tra i detenuti vi sono tre membri del movimento "New Generation", il co-presidente del Tevgera Azadi (movimento per la libertà) della regione Behdinan e membri di altri partiti.



Un carro armato catturato dai manifestanti durante la presa della base sabato 26 gennaio

Francia: mascherarsi in segno di protesta è ora un crimine

31 gennaio 2019             secoursrouge.org


L'Assemblea nazionale francese ha votato nella notte tra mercoledì a giovedì scorsi la creazione di un reato di occultamento del volto nelle manifestazioni, nel quadro del disegno di legge "anticasseurs". Questo nuovo reato di travisamento volontario (totalmente o parzialmente) sarà accompagnato da una pena detentiva di un anno e da una multa di 15.000 euro.I membri hanno cambiato la definizione che hanno trovato in commissione e che molti esperti di diritto hanno trovato "inapplicabile". Il giudice doveva provare l'intenzione della persona che indossa un casco o un cappuccio di averli indossati allo scopo di partecipare ai disordini. Nella nuova formulazione, invece, l'onere della prova è invertito e spetterà alla persona provare una "ragione legittima" per l'occultamento del suo volto. Nel 2009 un decreto "anti-cappuccio" adottato con Nicolas Sarkozy prevedeva che il fatto di nascondere la propria faccia all'interno o nei pressi di una manifestazione fosse punibile con una multa di 1.500 euro al massimo.


Dimostrazione anti-Macron (archivio)

mercoledì 30 gennaio 2019

Palestina: un altro manifestante ucciso a Gaza

30 gennaio 2019             secoursrouge.org


Un manifestante palestinese di 45 anni è morto a causa delle ferite riportate in seguito agli scontri con l'esercito israeliano lungo il confine che isola la striscia di Gaza. Stava partecipando a una manifestazione durante la quale  i palestinesi lanciavano pietre e bruciavano pneumatici di fronte al recinto nella parte settentrionale della Striscia di Gaza. 15 altri manifestanti sono rimasti feriti. Inoltre, centinaia di palestinesi hanno manifestato a bordo circa 20 imbarcazioni dirette verso i limiti della zona di pesca autorizzata. Sono stati respinti dalle navi della marina israeliana.


La manifestazione "navale" nel nord della Striscia di Gaza

Colombia: leader dell'Unione sfugge al tentato omicidio

30 gennaio 2019                  secoursrouge.org


Il 28 gennaio, Ricardo Muñoz, presidente della Cali Municipal Workers 'Union , è sfuggito a un tentativo di omicidio quando ha lasciato la sua casa con le sue guardie del corpo. Una delle guardie del corpo è stata ferita alla testa con il calcio di un revolver. Le guardie del corpo hanno reagito e hanno messo in fuga i due aggressori. L'Unità nazionale di protezione (UNP) e la polizia hanno voluto minimizzare l'attacco riclassificandolo come tentativo di rapina. Per diversi mesi, il sindacato aveva ricevuto diverse lettere minatorie dirette ai propri membri , tra i quali il presidente Ricardo Muñoz.L'attacco arriva una settimana dopo la condanna di tre ex soldati processati per il loro coinvolgimento nell'Operazione Dragon del 2004, un piano per assassinare leader sociali, sindacalisti e politici dell'opposizione. Questa operazione era guidata da una rete di intelligence di personale militare in servizio e in pensione. Ex soldati furono condannati a 4 anni di prigione per cospirazione aggravata.


Ricardo Muñoz, presidente di Sintraemcali

Manda un libro a Musa Asoglu!

30 gennaio 2019                  secoursrouge.org


Accusato e assolto in Belgio nel famoso "caso DHKP-C" tra il 2005 e il 2009, il rivoluzionario turco-olandese Asoglu Musa non ha finito di essere molestato dallo Stato alleato del regime turco. Negli ultimi anni, è stato l'obiettivo di una vera caccia all'uomo della CIA sul suolo europeo. Sulla sua testa pendeva una taglia di 3 milioni dagli Stati Uniti che lo indicavano come un leader del DHKP-C, un'organizzazione rivoluzionaria che è stata attaccata più volte per gli interessi degli Stati Uniti in Turchia con l'oligarchia turca.Costretto a vivere nascosto, Musa Asoglu, ora 57enne, è stato catturato il 2 dicembre 2016 dalla polizia tedesca ad Amburgo. Musa è stato imprigionato a Karlsruhe, senza aver commesso alcun reato in Germania, solo sulla base di documenti dei servizi anti-terrorismo turchi che hanno una lunga storia di file creati utilizzando la false spudorate  cosiddette "confessioni" estorte sotto tortura. Il processo a Musa continua dall'inizio del 2019, attualmente rischia 7,5 anni di carcere. Sostenere Musa Asoglu è sostenere la resistenza contro il fascismo in Turchia, è denunciare la collaborazione della polizia europea e delle autorità giudiziarie con i torturatori di Ankara.Imprigionato in Germania (come nelle carceri di altri paesi come gli Stati Uniti), Musa può ricevere solo pacchi consegnati dalla compagnia Amazon, CD, DVD e libri. In collaborazione con il Fronte popolare (Halk Cephesi), abbiamo creato un elenco di possibili doni su questo sito con libri, dischi e film scelti da Musa. L'indirizzo è pre-registrato e i regali saranno rimossi sistematicamente dalla lista dopo un ordine. Guarda l'elenco dei regali per Musa Asoglu qui.


Libri per Musa Asoglu

Filippine: assassinato membro NDF


L'NDF nella regione di Cagayan Valley, con tutte le sue organizzazioni alleate e gli individui membri, condanna l'uccisione del consulente NDF Felix Randy Malayao dagli elementi della squadra della morte del 5 ° ID alle 2.30 di oggi all'interno di un autobus .
La sua morte è l'ultimo tra gli attacchi fascisti del regime USA-Duterte contro il popolo, in un disperato e sanguinoso tentativo di realizzare la sua previsione secondo cui il movimento rivoluzionario può essere schiacciato entro la metà dell'anno. Al momento della sua morte, il compagno Felix era coperto dall'accordo comune sulle garanzie di sicurezza e immunità che stabilisce, tra l'altro, che i consulenti come lui non dovrebbero essere danneggiati né arrestati.  Nel 2008 Felix Randy era stato rapito e torturato ed imprigionato per 4 anni.


Irlanda del Nord: Incursione della polizia contro un membro repubblicano del Sinn Féin Poblachtach

30 gennaio 2019               secoursrouge.org

La sera di martedì 29 gennaio, un membro repubblicano dello Sinn Féin Poblachtach era con la sua compagna a Belfast quando lei si è resa conto che la sua casa era circondata dalla polizia. Erano presenti ufficiali di vari dipartimenti di polizia dell'Irlanda del Nord con i cani. Il membro del Sin Fein è stato  arrestato e caricato a forza su una jeep blindata che lo ha portato al centro di interrogatorio di Musgrave. Le case dei due sono state entrambe perquisite.



Il logo repubblicano del Sinn Féin Poblachtach

martedì 29 gennaio 2019

Zimbabwe:dopo le proteste del 14 gennaio gli arresti continuano

29 gennaio 2019             secoursrouge.org


Quindici giorni dopo gli scioperi e le dimostrazioni nello Zimbabwe ( leggi il nostro articolo ), centinaia di attivisti e avvocati si nascondono per sfuggire ad arresti arbitrari, pestaggi, stupri e rapimenti da parte della polizia e dell'esercito . Ufficialmente, sono state arrestate 600 persone, ma secondo varie organizzazioni presenti sul posto sono state arrestate tra le 1000 e le 1500 persone. Tra i detenuti vi sono diversi membri dell'opposizione, attivisti e leader sindacali L'ultimo è Peter Mutasa, presidente della ZCTU, il sindacato promotore dello sciopero. Peter Mutasa si è costituito alla polizia venerdì accompagnato dal suo avvocato. Dopo un interrogatorio di diverse ore, è stato processato per "sovversione nei confronti del governo" e "istigazione pubblica alla violenza" e incarcerato.



Peter Mutasa, Presidente ZCTU

Iran: Ali Nejati è stato rilasciato temporaneamente per cure mediche


29 gennaio 2019               secoursrouge.org


Arrestato il 29 novembre 2018, l'ex presidente dell'Unione lavoratrice di Haft Tappeh, Ali Nejati, ha ottenuto un congedo medico temporaneo mentre era sottoposto a cure mediche all'ospedale. Ali Nejati soffre di problemi cardiaci e renali. Era stato arrestato durante le proteste e gli scioperi allo zuccherificio Haft Tappeh.




Ali Nejati

Turchia / Kurdistan: ondata di arresti a Sirnak

29 gennaio 2019              secoursrouge.org


Questa mattina, la polizia turca ha preso d'assalto diverse case nel centro di Sirnak e nel distretto di Cizre. Berivan Kutlu, co-direttore dell'HDP per la città curda di Cizre, è stato arrestato insieme a molte altre donne a Sirnak. Tra i detenuti vi sono Leyla Kılıç, direttrice dell'HDP Sirnak e Ayşe Altay, co-presidente della filiale DBP Sirnak. Altre donne detenute nell'operazione sarebbero: Nuriye Bilir, Zeynep NIDI, Kumru Yörük, Emine Erkus, Saadet Edin Taybet Bilgi e Sirin Kılıç.


Berivan Kutlu

USA: nuovo ostacolo a un nuovo processo per Mumia


29 gennaio 2019                      secoursrouge.org


Il 27 dicembre, un giudice della Pennsylvania ha emesso un giudizio che autorizza Mumia Abu-Jamal a richiedere un nuovo processo. Mumia Abu-Jamal è stato condannato a morte nel 1982 per l'omicidio di un agente di polizia e questa condanna è stata commutata in ergastolo nel 2011. Lo scorso venerdì, il Procuratore Distrettuale ha impugnato la  decisione di concedere a Mumia  il ricorso.


Mumia Abu-Jamal

lunedì 28 gennaio 2019

Liegi: festa di supporto per i combattenti del Kurdistan

27 gennaio 2019                      secoursrouge.org

Presto sarà trascorso un anno dalla campagna "Shengal-Celox" per le donne combattenti in Kurdistan  che è stata lanciata da SRI. L'obiettivo è sostenere politicamente e materialmente le unità militari femminili finanziando le medicazioni emostatiche Celox. Il 60% dei compagni feriti da proiettili muore di emorragia mentre attende di essere curato. Le medicazioni Celox interrompono rapidamente il sanguinamento  e salvano molte vite. Una medicazione costa 75 €. Le medicazioni Celox sono distribuite dalle unità mediche ai combattenti in prima linea.Dopo la vittoria di YPJ e YPG a Raqqa, la regione di Afrin è stata attaccata e invasa dall'esercito turco e dalle sue milizie jihadiste. Oggi, Rojava è nuovamente minacciato. Questa sera sarà l'occasione per presentare la campagna, per fare il punto su un anno di occupazione, ma anche per discutere delle minacce che attualmente gravano sulla regione e sul movimento rivoluzionario curdo.Link alla pagina della campagna "Shendal Celox"Alla caffetteria collettiva Kali, 32 rue Saint-Thomas, Liegi, sabato 2 febbraio alle 18:00


Combattenti curdi in Rojava

Spagna: il leader dei Red Roja accusata di "finanziamento del terrorismo" in seguito a una raccolta per i palestinesi



27 gennaio 2019           secoursrouge.org


L'organizzazione Red Roja ha organizzato una raccolta di denaro a metà del 2014 e alla fine del 2015 per fornire aiuti economici di solidarietà al popolo palestinese. Ángeles Maestro Martín, leader di Red Roja, era la principale intestataria del conto della raccolta, altri due attivisti erano titolari secondari. I fondi raccolti durante la prima raccolta sono stati donati a Leila Khaled, che a quel tempo visitò diverse parti dello stato spagnolo. I fondi della seconda raccolta sono stati donati a rappresentanti dell'Autorità Nazionale Palestinese. La magistratura spagnola ha aperto un'indagine per "finanziamento del terrorismo". I tre titolari di account in co-account dovranno apparire davanti al giudice il 5 febbraio.


Ángeles Maestro Martín

Filippine: due "marines" feriti nell'imboscata maoista


27 gennaio 2019           secoursrouge.org


Due "fanti" filippini sono stati feriti in un agguato dai guerriglieri dell'NPA a Kalamansig mercoledì. I soldati appartenevano al 2 ° Battaglione dei Marine e pattugliavano Datu Ito Andong quando i guerriglieri esplosero un IED prima di sparare contro di loro. Gli scontri a fuoco  sono stati pesanti e i guerriglieri sono stati in grado di ritirarsi.



"Fanti" filippini

Francia: gilet gialli Act XI


27 gennaio 2019                  secoursrouge.org


Gli incidenti hanno caratterizzato le dimostrazioni di "giubbotti gialli" sabato in Francia, che si sono mobilitati per l'undicesimo sabato consecutivo a Parigi e soprattutto nelle province. Nel centro della capitale francese, sono scoppiati degli incidenti in Place de la Bastille, un luogo simbolico in cui convergono diverse manifestazioni di "gilet gialli". La polizia ha usato gas lacrimogeni e un cannone ad acqua per respingere i manifestanti che hanno lanciato oggetti contro di loro e hanno usato anche attrezzature da costruzione su una strada adiacente. 22 persone sono state arrestate a Parigi.
Gli scontri hanno avuto luogo anche ad Amiens, Angers, Avignone, Besancon, Bordeaux, Evreux, Le Mans, Montpellier, Nizza, Parigi, Passy, ​​Quimper, Rennes, Rouen, Saint-Étienne, Strasburgo, Tolone e Tolosa. Uno dei personaggi più noti di "giubbotti gialli", Jerome Rodrigues, è stato gravemente ferito ad un occhio. La manifestazione notturna pianificata a Parigi - soprannominata "Yellow Night" in riferimento ai raduni cittadini "Stand Up Night" del 2016 - è stata rapidamente conclusa in seguito all'intervento della polizia.



Jérôme Rodrigues ferito e evacuato sabato

Palestina: due manifestanti palestinesi uccisi venerdì


27 gennaio 2019              secoursrouge.org


Due manifestanti palestinesi sono stati uccisi dai soldati israeliani durante gli scontri nella Striscia di Gaza e nella Cisgiordania occupata da Israele. Le forze israeliane hanno ucciso a colpi d'arma da fuoco un palestinese e ne hanno ferite molte altre durante le manifestazioni settimanali del venerdì sul confine di Gaza. Oltre 10.000 palestinesi si erano radunati lungo il confine di Gaza.

Un altro palestinese è stato ucciso venerdì dai soldati israeliani in  Cisgiordania. L'esercito israeliano ha detto che le sue truppe hanno aperto il fuoco su tre adolescenti palestinesi che hanno lanciato sassi contro veicoli israeliani che percorrevano la West Bank Highway 60 e che, dopo essere stati curati, uno dei feriti, 16 anni, è morto a causa delle ferite riportate.



Maniestanti al confine di Gaza

domenica 27 gennaio 2019

Tolosa: Dimostrazione davanti al carcere di Seysses per il rilascio dei gilett gialli

27 gennaio 2019


Venerdì 25 gennaio, circa 200 persone hanno manifestato davanti al carcere di  Seysses (25 km da Tolosa) per chiedere il rilascio dei prigionieri della mobilitazione dei Gilet Gialli. Nonostante la pioggia, le famiglie di detenuti e i sostenitori sono stati ascoltati e visti dai prigionieri. Diversi prigionieri hanno risposto alla mobilitazione sventolando fogli alla finestra e lanciando lo slogan: "Macron dimissioni". Un'iniziativa simile si è svolta anche a Perpignan, dove i Gilet Gialli hanno organizzato una catena umana attorno al carcere, domenica 27 gennaio.


Giubbotti gialli davanti alla casa di detenzione di Seysses.

India: le autorità uccidono due sospetti guerriglieri

26 gennaio 2019                        secoursrouge.org


Le forze di sicurezza hanno ucciso a morte due sospetti guerriglieri in due azioni separate, una nel Maharashtra e l'altra nel vicino Chhattisgarh. Nel distretto di Gadchiroli (Maharashtra), il corpo di un  maoista (ancora non identificato) è stato trovato con un'arma e una pubblicazione maoista dopo che una brigata di commando del C60 ha preso d'assalto un accampamento di guerriglieri situati al confine con Chattisgarh.Allo stesso tempo, gli agenti di polizia Chhattisgarh e Odisha hanno abbattuto un capo del partito  nel distretto di Sukma. La polizia ha anche sequestrato materiale che era in suo possesso.


Guerriglieri maoistiGuerriglieri maoisti

sabato 26 gennaio 2019

Iran / Kurdistan: dieci attivisti ambientalisti curdi imprigionati in isolamento e minacciati di morte

26 gennaio 2019                secoursrouge.org




Dalla fine del 2018 e all'inizio del 2019, dieci attivisti ambientalisti curdi sono stati arrestati a Kamyaran e Sanandaj (Sine), il Rojhilat (regione curda iraniana) (vedi articolo) . Alcuni di loro sono membri attuali o ex del ramo curdo del Partito di Unità Nazionale, un partito legalmente registrato in Iran, due dei detenuti erano civili e altri due sono attivisti politici. Gli attivisti ambientalisti arrestati a Kamyaran hanno organizzato attività per molti anni e hanno partecipato a numerose campagne, anche per la lotta contro gli incendi causati in parte da esercitazioni militari delle forze iraniane.
Gli attivisti sono Amanj Ghorbani, Bakhtiar Kamangar, Hossein Kamangar, Montazeri Rashed Reza Asadi Zanyar Zamiran Isa Feizi, Fazel Qeitasi Farhad Mohammadi Hadi Kamangar. Tutti sono isolati nella prigione di Sanandaj. Le famiglie non hanno contatti con i detenuti e sospettano che siano sottoposti a torture. A Kamyaran, un imam di alto livello e il presidente del consiglio comunale hanno chiesto l'esecuzione dei detenuti durante le preghiere del venerdì nelle moschee locali.

10 attivisti curdi imprigionati

Turchia / Kurdistan: i manifestanti mettono a ferro e fuoco la base militare turca


26 gennaio 2019                secoursrouge.org


I curdi della città di Sheladize nel distretto di Derelok si sono radunati davanti a una base turca per protestare contro i bombardamenti turchi nell'area. I manifestanti hanno occupato la base e dato fuoco alle strutture.Sono riusciti a penetrare il perimetro della base nonostante i tentativi da parte dell'esercito di prevenirli. Un gruppo di soldati turchi della base è stato arrestato da manifestanti arrabbiati.I dimostranti hanno anche dato fuoco alle attrezzature militari della base, compresi carri armati, tende, container e molti altri veicoli. Temendo la furia dei manifestanti, i soldati turchi sono fuggiti e la folla ha continuato a manifestare. Chiedono all'esercito turco di lasciare il Kurdistan.Maggiori informazioni e un video dell'evento qui


Un carro armato catturato dai manifestanti

Belgio: polizia sotto processo per la cancellazione di immagini scattate da un gruppo di giornalisti



26 gennaio 2019                secoursrouge.org


Ieri si è svolto un prtesidio a margine del processo contro gli agenti di polizia che avevano arrestato due giornalisti della ZIN TV, confiscato le loro attrezzature e distrutto le immagini raccolte durante una manifestazione a Bruxelles contro il TTIP nell'ottobre 2015.Nel dicembre 2015, ZIN TV e ATTAC Brussels si sono uniti per presentare una denuncia contro la polizia e per costituirsi parte civile. La manifestazione, "Contro la repressione della libertà di espressione", aveva lo scopo di ricordare alla gente che è legale filmare la polizia. Il processo è nella fase della camera del consiglio (il corpo che rimanda l'accusato ad entrambi i tribunali) e per il momento è tenuto a porte chiuse.Maggiori informazioni qui


Il poster del raduno "Filmare la polizia è un diritto"

Bashur: manifestanti kurdi irrompono in una base turca e ne fanno scempio

Bashur: manifestanti kurdi irrompono in una base turca e ne fanno scempio: Rabbia popolare contro gli assassinii di civili da parte dell'esercito turco nel kurdistan meridionale negli ultimi giorni

COMUNICATO di SOLIDARIETA' del SRI con i 5 INTERNAZIONALISTI TORINESI: "Lotta contro i nemici della rivoluzione in Rojava , qui e dappertutto"!






Il 3 gennaio la Digos (polizia politica) di Torino ha chiesto che si svolgesse una sorveglianza speciale
Della durata di due anni, con divieto di soggiorno a Torino, da applicare a cinque attivisti della città: Paolo, Davide, Jak, Eddy e Jacopo. Questi cinque internazionalisti, attivi nel movimento No-TAV e presso il centro occupato Askatasuna, hanno difeso la rivoluzione in Rojava come parte del YPG -International.
Questo nuovo attacco contro gli internazionalisti italiani attesta una svolta, non solo nella politica italiana, con l'arrivo dell'estrema destra al potere, ma anche nella situazione in Rojava. La principale minaccia contro il rivoluzionario Rojava non è più il Califfato di Daesh ma un paese membro della NATO: la Turchia.
 Quando solo un anno fa, la Turchia invase il cantone di Afrin, ha beneficiato della complicità, passiva o attiva, degli USA, della Russia, della NATO e di  tutti i poteri regionali. Afrin era una delle culle del modello kurdo della democrazia comunista, ecologista, in difesa delle donne e delle minoranze etniche e religiose. Migliaia di siriani erano andati lì rifugiati, in fuga dagli abusi degli islamisti e del regime. I risultati dell'annessione di Afrin da parte della La Turchia sono: 300.000 rifugiati, 2.000 morti, tutti i diritti politici e sociali liquidati, e la regione consegnata ai criminali delle milizie islamiste al servizio di Erdogan.
Oggi la Turchia minaccia di attaccare altre aree liberate del Rojava e della Siria settentrionale. Malgrado le difficoltà   la guerra popolare promette che continuerà a contenere Erdogan. La conquista di Afrin da parte dell’esercito turco è stata difficile e a la resistenza armata continua a colpire quotidianamente gli occupanti turchi e i loro ausiliari Islamisti.
Il Rojava rivoluzionario deve essere difeso. Sarà difeso dai suoi abitanti, sarà difeso dal movimento
Curdo, e dovrà essere difeso anche  dalla sinistra rivoluzionaria europea.
 Difendere la rivoluzione del  Rojava è di estrema importanza per la prospettiva rivoluzionaria a livello internazionale. Inoltre, la resistenza del Rojava al fascismo di Erdogan è una questione centrale di resistenza generale all'ascesa del fascismo nei paesi imperialisti, in Europa e in Italia.
La solidarietà internazionale con il Rojava include il miglioramento dell'esperienza degli internazionalisti che hanno svolto missioni civili e militari,  con la difesa di questi internazionalisti oggi perseguitati in più paesi europei.
 La prima udienza  contro Paolo, Davide, Jak, Eddy si è tenuta il ​​23 gennaio ed è stata rinviata per il 25 marzo. Una delegazione internazionale (Italia, Svizzera e Belgio) del Soccorso Rosso era presente al presidio di solidarietà fuori dal tribunale. La delegazione internazionale dell’SRI sarà presente a Torino anche per il prossimo 25 marzo in solidarietà con gli internazionalisti italiani.


Lotta contro i nemici della rivoluzione in Rojava , qui e dappertutto!
Difendi la rivoluzione del Rojava come parte della resistenza internazionale contro il fascismo
e come parte della prospettiva rivoluzionaria internazionale!


International Red Aid, 24  gennaio 2019

                                                 

venerdì 25 gennaio 2019

Sudan: nuove manifestazioni represse nel sangue

25 gennaio 2019              secoursrouge.org


Migliaia di sudanesi sono scesi in piazza giovedì in diverse città del paese per chiedere le dimissioni del presidente Omar al-Bashir, organizzando presidi che sono stati violentemente dispersi dalla polizia. Dal 19 dicembre, il Sudan è scosso da un movimento di protesta innescato dalla decisione del governo di triplicare il prezzo del pane, in un paese nel mezzo della crisi economica Le manifestazioni, aperte dallo slogan principale "libertà, pace e giustizia", ​​si sono immediatamente trasformate in manifestazioni quasi quotidiane contro Bashir, salito al potere con un colpo di stato sostenuto dagli islamisti nel 1989.

Giovedì, un manifestante è morto a Omdurman, la città gemella della capitale Khartoum. Un altro manifestante ferito a una manifestazione il 13 gennaio a Khartoum è deceduto, e un terzo è morto in carcere. Le stime vanno da 40 a 80 dimostranti uccisi dall'inizio del movimento.



Protesta anti-governativa in Sudan

Germania: viene rilasciato Inan Dogan


25 gennaio 2019            secoursrouge.org


Inan Dogan è un militante comunista curdo di Dersim che vive a Liegi ed è stato rifugiato dal 2010 in Belgio. È stato arrestato in Germania il 15 dicembre in base a un mandato dell'Interpol richiesto dalla Turchia, mentre si recava alle manifestazioni di solidarietà per Musa Asoglu ad Amburgo. La Turchia lo accusa di appartenere al DHKP-C. Inan Dogan è stato rilasciato.



Di fronte all'ambasciata tedesca a Bruxelles

Rojava: invito alla mobilitazione internazionale


25 gennaio 2019            secoursrouge.org


Quattro anni dopo aver preso la città di Ayn al-Arab (27 gennaio 2015) e un anno dopo lo scoppio della aggressione di Afrin da parte dello Stato turco e dei suoi alleati jihadisti, il regime turco minaccia il resto del Rojava. La comune internazionalista di Rojava richiede due giorni di azioni il 27 e il 28 gennaio 2019.Leggi la chiamata dell'Internationalist Municipality of Rojava .Il battaglione di liberazione internazionale ha emesso due inviti:Dichiarazione dell'IFBSeconda dichiarazione dell'IFB (in inglese)

Il call for action day a Zurigo

Francia / Cile: Ricardo Palma Salamanca non sarà estradato



25 gennaio 2019                   secoursrouge.org


La Camera d'inchiesta della Corte d'Appello di Parigi ha respinto mercoledì la richiesta di estradizione, formulata dal Cile, dell'ex guerrigliero cileno Ricardo Palma Salamanca, 49 anni. Il membro  del Fronte Patriottico Manuel Rodriguez è stato condannato nel 1994 all'ergastolo dalla giustizia cilena per il suo presunto coinvolgimento nell'esecuzione di un alto funzionario della dittatura di Augusto Pinochet.Il 30 dicembre 1996, Palma Salamanca e altri tre prigionieri sono fuggiti dal carcere di massima sicurezza di Santiago dove erano incarcerati, grazie all'intervento drammatico di un elicottero. Divenne uno degli uomini più ricercati del Cile. Dopo più di 21 anni di latitanza, è stato arrestato il 16 febbraio 2018 a Parigi, ma rilasciato e messo in libertà vigilata dai tribunali francesi Nonostante una richiesta di estradizione fatta dal Cile, ha ottenuto asilo politico in Francia. Lo Stato cileno non può appellarsi contro il parere della Corte d'appello e l'estradizione non può essere accolta.


Ricardo Palma Salamanca

LEYLA GUVEN E' LIBERA!



La co-presidente del DTK e parlamentare dell'HDP Leyla Guven, dopo 79 giorni di sciopero della fame che ne hanno messo a repentaglio la vita, è stata rilasciata dal carcere.
La quinta udienza nel processo contro Güven, accusata di "aver fondato e di guidare un'organizzazione armata", "diffondere propaganda per un'organizzazione illegale" e "opporsi alla legge n. 2911", si è tenuta al 9 ° Tribunale Penale Pesante di Diyarbakır.

Né Güven, né i suoi avvocati, né il pubblico hanno partecipato all'udienza.
Mentre il pubblico ministero proponeva la prosecuzione della detenzione per Güven, il tribunale ha deciso la sua liberazione con divieto di lasciare la Turchia.
Ad annunciare la liberazione è stata sua figlia Sabiha Temizkan postando questa foto e scrivendo "Mia madre, Leyla Guven, è stata liberata 

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono, occhiali, primo piano e spazio all'aperto

Paesi Baschi: 60.000 persone per la liberazione di 8 giovani di Altsasu

24 marzo 2019            secoursrouge.org 60.000 persone hanno manifestato questa domenica ad Altsasu per chiedere la liberazione degli...