Guerra popolare India

Risultati immagini per GUERRIGLIA MAOISTA INDIA


                

La guerra popolare in India


 

1. Storia e notizie del movimento naxalitaA partire dagli anni '50 e dai primi anni dell'India indipendente, molti movimenti militanti contadini si svilupparono contro il carattere feudale del paese. Questi non hanno mai avuto un successo completo, principalmente a causa della mancanza di organizzazione e della loro natura spontanea.Il più importante fu il movimento Telengana del 1946, sostenuto attivamente dal Partito comunista indiano. La sua natura insurrezionale e l'intenzione formale di rovesciare i signori feudali con la forza armata hanno provocato una terribile repressione da parte delle autorità indiane. Migliaia di persone sono state uccise, decine di migliaia sono state imprigionate e ancora più persone sono state torturate dai militari. Nel 1951, il Partito comunista indiano, internamente diviso sulla questione di questo sostegno, lo fermò ufficialmente. Questa decisione ha portato a una spaccatura e alla formazione del Partito comunista indiano (marxista).Fu nel 1967 che iniziò la rivolta di Naxalbari nel Bengala Occidentale, condotta da militanti comunisti alla testa di un movimento solidamente strutturato il cui obiettivo era una guerra popolare contro il modello cinese. Questo è supportato da attivisti all'inizio del 1967, tre contadini supportati alcuni ICC Lavoratori (Marxista) dotati di armi rudimentali, sequestrato tutta la risaia Stock sottotetto di un proprietario terriero. Nei mesi successivi si moltiplicarono le occupazioni della terra, il sequestro delle scorte di grano e l'incendio dei registri catastali.I proprietari terrieri reagirono rapidamente, sbarazzandosi di quelli che lavoravano nei "loro" campi. Un giorno i contadini che andarono a lavorare nei campi non tornarono . Il giorno dopo, altri uomini andarono nei campi, ma non tornarono nemmeno. Uomini e donne si sono poi nascosti nelle vicinanze per vedere cosa stava succedendo. Non appena un altro gruppo di uomini ha iniziato ad arare le terre occupate, è apparsa una brigata di polizia che li ha portati via. Presentato al fatto compiuto, ha detto la polizia di agire per conto del padrone di casa, causando enorme rabbia tra i contadini, tra i quali si stanno formando nelle brigate clandestine sotto la guida Charu Mazumdar, considerato il principale teorico del movimento rivoluzionario indiano . Presto sarebbe seguita una sanguinosa guerra che avrebbe reso i Naxalbari la prima pietra del movimento maoista in India e che avrebbe anche dato un nome: il movimento Naxal. Il 23 maggio del 1967, l'ispettore di polizia che ha condotto una brigata  incaricata di fermare i leader dei i disordini, è stato ferito mortalmente da una freccia in uno scontro con un tribale. Due giorni dopo, un contingente più numeroso di polizia fu inviato sul posto. Gli uomini e le donne, armati di tutto ciò che riuscivano a trovare, uscirono per affrontare la polizia. La polizia ha sparato, uccidendo nove persone di cui sei donne e due bambini. La guerra è stata scatenata.


Tag Naxalite


È durato 72 giorni. 72 giorni durante i quali Naxalbari era una "zona liberata". Nel luglio 1967, le forze repressive inviate dal governo del Bengala Occidentale e Nuova Delhi riconquistarono il controllo dell'area con la forza delle armi. La maggior parte dei leader comunisti sono stati arrestati. Uno dei pochi a evitare l'arresto fu Charu Mazumdar, che allora si impegnò a sviluppare il movimento e scatenare ulteriori insurrezioni per spostarsi verso il potere rivoluzionario. Diversi movimenti contadini furono impegnati in varie parti dell'India, tra cui Srikakulam e diversi distretti dell'Andhra Pradesh.Dal 1971 al 1972 la  contro la rivoluzione in India si acuisce con leggi che puniscono l'appartenenza alle file rivoluzionarie comuniste punite con violente rappresaglie e terrorizzando la popolazione con  le azioni di gangsterismo draconiane. Questa violenta contro-rivoluzione ha avuto un forte impatto sul CPI (ML), una fazione  del CPI (marxista) e fautori della continuità della rivolta dopo la rivolta Naxalbari. Il 16 luglio 1972, Charu Mazumdar fu arrestato dalla polizia a Kolkata. L'arresto è stato reso possibile dalla rivelazione, estorta sotto tortura da uno dei suoi compagni arrestati, dal nascondiglio di Charu Mazumdar. Una volta arrestato, fu  condannato in anticipo dalla vendetta della classe dominante. Sopravvisse solo dodici giorni all' arresto. Aveva un grave problema al cuore. I rigori della vita sotterranea erano stati avvertiti in tutti questi anni. Nella cella, fu sottoposto a costanti interrogatori, pressioni e torture. Doveva essere ricoverato in ospedale il 27 luglio. Privato di cure mediche adeguate, morì il giorno dopo.




Charu MazumdarCharu Mazumdar


Nel 1973 c'erano 32.000 prigionieri di Naxalite e nella metà degli anni '70 il movimento fu quasi spazzato via. Tuttavia, molte fazioni militanti hanno continuato a guidare la guerriglia in diversi stati, lavorando principalmente nelle aree tribali, dove i più poveri sono la base principale. Alla formazione del CPI (ML), uno dei gruppi ha deciso di non unirsi e formare il Dakshin Desh. Nel 1975, il gruppo prese il nome di MCC (Centro comunista maoista). Fino al 1982 e alla morte del suo leader Kanhai Chaterjee, era particolarmente attivo nel West Bengal, sostenendo la formazione di movimenti di massa per consentire lo sviluppo della lotta armata. Nel 1982, molti attivisti si sono uniti al CPI (ML).Nel 1979, il CPI (ML) aveva molti quadri "pubblici" e "clandestini", principalmente in Andhra Pradesh. Uno di loro, Kondapalli Seetharamaiah, criticò il movimento dichiarando nel 1979 che non aveva ancora assunto la forma di una lotta armata. Secondo lui, le azioni isolate portate avanti per anni non potevano essere qualificate come lotta armata. Il 22 aprile 1980, annunciò la creazione di CPI-ML (People's War), un nuovo partito che avrebbe fatto avanzare la linea della lotta armata. Nel 2004, le due parti, che nel frattempo avevano assorbito varie frazioni del CPI originale (ML), decisero di fondersi per formare l'IPC (Maoista). Pubblicano poi diversi documenti di  fondazione, tra cui la Costituzione del CPI (maoista) , la risoluzione politica del CPI (Maoista) , il programma ICC (maoista) , il punto di vista urbano di CPI (Maoista) , la strategia e la tattica della rivoluzione indiana e Porter Alta incandescente bandiera rossa del marxismo-leninismo-maoismo .Lo sviluppo della lotta armata basata tra i contadini, con scopi dichiarati, la rivoluzione agraria e la strategia della  guerra popolare di lunga durata si svolse in parallelo con il processo di globalizzazione in corso in India per molti anni. Questa lotta, guidata in primo luogo dal CPI-ML (People's War), dal MCC e da vari altri partiti marginali, si diffuse nelle regioni degli adivasi e vi trovò un terreno fertile. Le condizioni oggettive in queste aree, estrema povertà ed emarginazione della popolazione, il collegamento governo-piccoli imprenditori-grandi corporazioni-partito politico che ha mantenuto il ciclo di sfruttamento e oppressione e l'inaccessibilità e l'inospitalità della terra hanno permesso alle parti Naxalite di avere grande influenza tra le popolazioni. Gli Adivasi, con il loro scarso interesse nei sistemi economici e politici indiani, con la loro debole dipendenza da terreni agricoli di proprietà privata e le loro forti nozioni di proprietà comunale e di comunità, hanno dimostrato di essere una potente forza rivoluzionaria. Il CPI (maoista) ha così trovato una solida base tra i popoli tribali dell'India centrale, dove è stato in grado di stabilire una zona liberata e sviluppare il sistema di governo popolare tra gli Adivasi della regione.



Guerriglieri naxalitiUna colonna di guerriglieri Naxaliti in funzione


Nell'agosto 2006, la rivista The Economist ha pubblicato un rapporto sullo stato del Chhattisgarh, dove ha visitato, nella foresta di Bastar, a sud della capitale Raipur, un villaggio tenuto dal CPI (Maoista). Questo maquis ha combattuto contro i progetti di capitale finanziario per sfruttare la ricchezza minerale della foresta. Ore prima della riunione, diverse centinaia di combattenti hanno attaccato una stazione di polizia in Errabore una base di paramilitari e un campo per sfollati nella regione sottosviluppata a 9 ore di auto dalla capitale, Raipur.I Naxaliti controllano un vasto territorio di villaggi poveri. Qui c'è una pompa dell'acqua ma il pozzo è asciutto. Non ci sono strade, niente tubi, niente elettricità e niente telefono. Lì, c'è un insegnante, ma nessuna scuola. Sta facendo la lezione all'aperto. Non si vede nessun ufficiale di polizia, nessun operatore sanitario, nessun dipendente pubblico. Tre quarti dei 1.220 villaggi di Dantewada sono abitati dagli aborigeni di Adivasi, 1.161 villaggi non hanno strutture mediche, 214 non hanno scuole elementari. La regione ha una linea ferroviaria, ma è destinata al trasporto di minerale di ferro sfruttato nella miniera di Bailadilla, il cui  scarto, nella stagione delle piogge, colora il fiume di arancione e rende l'acqua imbevibile .. .

Gli aborigeni di Adivasi sono, insieme ai dalit, oppressi tra gli oppressi. I dalit (o "intoccabili") sono una casta di 160 milioni di persone miserabili e disprezzate. La casta dei Brahmani (il cui colonizzatore britannico ha acquisito la complicità) affida le posizioni di guida e usa il sistema delle caste per giustificare lo sfruttamento delle masse popolari. I grandi proprietari di Brahman hanno milizie, i senas, che barbaramente rompono qualsiasi resistenza al sovrasfruttamento  dei contadini poveri (il 43% dei contadini indiani sono senza terra). L'immagine dell'India tecnologica, un paradiso per i computer, maschera una terribile realtà sociale: il 47% dei bambini soffre di denutrizione, l'80% della popolazione vive con meno di due dollari al giorno.

Nel 2006, il primo ministro Manmohan Singh ha chiamato la ribellione naxalita "  più grande sfida per la sicurezza interna che ha mai affrontato il nostro paese  ." Da allora, la situazione è costantemente peggiorata. A metà luglio 2009, il ministro degli Interni, il signor Chidambaram ha dovuto ammettere che la minaccia era stata 'sottovalutata'. I Naxaliti agiscono in 14 dei 28 Stati in India (Chhattisgarh Jharkhand, Uttar Pradesh, Asma, Uttaranchal, Kerala, Tamil Nadu, Bengala Occidental, Gujarat, Andhra Pradesh, Madhya Pradesh, Orissa, Maharashtra Bihar y) e che, in cifre, significa che in 182 distretti su 602 in cui il paese è diviso amministrativamente, sono i maoisti che controllano la situazione.Questa influenza è in crescita non solo in campagna ma anche in città, soprattutto in classi e aree industriali Dheli, Mumbai, Raipur, Pune e Jammu dove i governo svolge attività alternate di propaganda per lavorare con i militari. Il governo indiano  considera che nel 2008 tra il 30% e il 35% del territorio dell'India era sotto il controllo  di naxaliti e che la loro influenza sarebbe ulteriormente aumentata .



Mappa delle aree occupate dai guerriglieri nel 2015



I successi rivoluzionari nelle campagne sono indiscutibili: né la polizia né i funzionari di stato osano entrare nel Bastar, una vasta area dello stato di Chhattisgarh di circa 100.000 chilometri quadrati e le sue azioni contro i paramilitari del Salwa Judum, le milizie fasciste addestrate alla guerra contro la guerriglia, armate dai proprietari terrieri e pagate dallo stato, provocano demoralizzazione e diserzioni. 

Il periodico Indian Express ha raccontato in modo crudo come dopo un attacco maoista che ha causato 55 morti a una forza composta da polizia e paramilitari facendo eco a un rapporto ufficiale che riportava gli eventi: "   codardia, diserzione, l'eccessiva dipendenza dei poliziotti in relazione alla Polizia Speciale Locale[Salwa Judum], la mancanza di un addestramento adeguato e il consumo di sostanze tossiche sono state la causa dell'uccisione dei 19 poliziotti e 39 ELP (la milizia Salwa Judum) ". Nelle aree liberate, i Naxaliti proibiscono l'usura, organizzano cooperative, opere di irrigazione collettiva, un sistema di medicina popolare e un sistema di insegnamento. I comitati del potere del popolo decidono anche sulle misure per preservare l'ecosistema e far rispettare i diritti delle donne (combattere i matrimoni forzati, ecc.).Nel febbraio 2007, il partito ha organizzato il suo 9 ° Congresso, chiamato "Unity Congress", nella giungla dello stato di Bihar. Sono state prese molte decisioni in merito alla strategia e alle tattiche del partito, sia nelle lotte nelle campagne che nella loro attuazione nelle aree urbane. I Naxaliti sono passati dalla guerriglia alla guerra di movimento. Attacchi contro stazioni di polizia e paramilitari, compagnie minerarie, ferrovie, stazioni di telecomunicazione, costruzioni elettriche e persino attacchi al carcere (nel dicembre 2007 hanno attaccato la prigione di Raipur, La capitale di Chhattisgarth, liberando 299 prigionieri, tra cui un centinaio di guerriglieri, è il fatto di gruppi di circa 40-150 combattenti che a volte raggiungono i 400.





Raduno dei guerriglieriRaduno dei guerriglieri al 9 ° Congresso del Partito Comunista dell'India (Maoista).


Nel 2007, i Naxaliti hanno effettuato 8.488 attacchi contro le istituzioni di polizia in 91 distretti di 11 stati, secondo un rapporto presentato dal Ministro degli Interni davanti al parlamento indiano. I guerriglieri iniziano a cercare la complicità della polizia. Da giugno 2007, ogni volta che un attacco viene condotto contro una struttura di polizia, i guerriglieri lasciano alle spalle opuscoli che recitano "  si lotta per impedire che la rivolta del popolo sia soffocata, perché la tua vita è in gioco, perché le persone che uccidi appartengono alla tua classe. In piedi contro il sistema  .

La situazione ha raggiunto un tale livello febbrile che il governo ha deciso di mettere in moto un piano per contenere l'avanzata dei guerriglieri: avviare un programma di sviluppo delle zone più povere dell'India, la modernizzazione della polizia, la creazione infrastrutture stradali che servono entrambe le popolazioni per facilitare i movimenti della polizia e la creazione di sei scuole di guerra, vale a dire la formazione di unità antiguerriglia  per attaccare e distruggere i campi di naxaliti nella giungla. L'idea del governo è quella di creare alcuni battaglioni speciali per la lotta contro la guerriglia che comprenda un personale di 14.000 soldati. Attualmente, il Central Reserve Forze di Polizia (CRPF) paramilitari uniti Salwa Judum, sono i principali protagonisti nella lotta contro i maoisti.




Veicolo contro-guerrigliaLe forze speciali 'anti-naxal', il loro veicolo contro-guerrigliero ha un telaio blindato a forma di V per deviare l'effetto dell'esplosione durante l'esplosione di una mina
Operazione contro-guerriglia
milizianiMilitari di Salwa Judum, noti per i loro omicidi, stupri, intimidazioni ed estorsioni, nonché per la loro totale mancanza di spirito combattivo contro i guerriglieri


Fino ad ora, i guerriglieri non si prendevano cura delle città per concentrarsi sulla campagna, seguendo la strategia di circondare le città dalle campagne. La strategia è di entrare nelle aree rurali, consolidarsi nelle aree rurali e stabilire un coordinamento efficace tra le diverse cellule degli altri stati.I maoisti non colpiscono i funzionari locali a meno che la gente non pensi che siano disonesti, corrotti o repressivi. Fanno pagare le compagnie che hanno sede nelle loro aree di influenza una tassa rivoluzionaria, che oscilla tra il 15 e il 20% dei loro profitti, con cui finanziano le loro attività. Ma i Naxaliti sono implacabili nella loro lotta contro le Zone Economiche Speciali (SEZ). In India, il governo ha pianificato di approvare 339 SEZ in cui lavorano 800.000 persone. Si tratta di aree in cui le aziende non pagano tasse, dove godono di benefici economici per promuovere la produttività e dove può essere abolita la normale legislazione del paese in materia di diritto del lavoro, rispetto per l'ambiente. L'obiettivo è attrarre investitori locali e stranieri. Questi SEZ stanno causando lo spostamento dalle loro case da parte di decine di migliaia di contadini, che stanno quindi perdendo i loro mezzi di sostentamento. La stragrande maggioranza degli sfollati sono inquilini senza terra, artigiani e piccoli commercianti delle comunità svantaggiate Dalit e Adivasi e minoranze religiose.Il lavoro con i Dalit, gli intoccabili nel sistema delle caste e gli emarginati in India, è al centro del lavoro politico dei guerriglieri naxaliti, secondo le decisioni del suo 9 ° Congresso. Il Congresso ha deciso, inoltre, come l'asse centrale del lavoro politico e militare, l'estensione della guerra popolare nel Paese, "  il supporto per le lotte nazionali contro l'espansionismo indiano  " in Jammu e Kashmir, l'espansione il movimento per le città di avere una presenza nelle masse urbane, impoverite, e la classe media, al fine "  di ottenere un movimento di massa contro le politiche neoliberiste  " e quindi la lotta contro zone economiche speciali che erano state create negli ultimi anni in India e che hanno provocato la dislocazione di piccole industrie e commercianti, che sono stati spinti in bancarotta da massicci multinazionali imperialiste offensive e burocrati borghesi importatori  "che sono chiamati"  enclavi neo-coloniali  . "Le cellule naxalite sono attive nelle aree lavorative e industriali di Delhi, Mumbai, Raipur, Pune e Jammu. Anche se per il momento l'attività principale è la propaganda, in alcune aree dove il movimento naxalita è particolarmente forte, le azioni militari sono già state eseguite. È il caso di Nayararh, una delle città più importanti dello stato dell'Orissa, dove un commando naxalita ha compiuto finora una delle sue azioni più audaci: 16 febbraio 2009 L'assalto è stato fatto in una caserma della polizia e la requisizione di 1.069 armi.La presenza di naxaliti nelle città e nei centri industriali ha portato un salto qualitativo alla guerra popolare. Dalla seconda metà del 2007, i Naxaliti hanno predilegiato azioni contro SEZs in una frangia che comprende le città di Bhilai-Ranchi-Dhanbad-Calcutta da un lato, e Mumbai-Pune-Surat-Ahmedabad dall'altro, allo stesso tempo hanno imposto in modo inequivocabile blocchi in aree dove hanno maggiore forza, come nel caso degli stati di Jharkhand, Orissa, Chhattisgarh e West Bengal, e in quelli dove ne hanno meno come in Haryana e in Punjab. Nel Bengala Occidentale, uno stato governato dalla sinistra riformista, la SEZ pianificata fu sospesa dopo una rivolta popolare, con il sostegno maoista, che fu annegata nel sangue.L'IPC (maoista) ha condotto numerosi e importanti attacchi vittoriosi contro le forze di sicurezza. Il 6 aprile 2010, i guerriglieri hanno teso un agguato a un convoglio della controrivoluzione, uccidendo 75 poliziotti militarizzati (CRPF). Il 25 maggio 2013, nell'attacco a un convoglio del Congress Party a Bastar, sono morte 27 persone tra cui Mahendra Karma, l'uomo dietro la creazione del Salwa Judum. Il partito organizza anche operazioni per sequestrare armi o distruggere materiali per la costruzione di attrezzature per facilitare la contro-insurrezione. Il 14 marzo, 200 guerriglieri attaccano un convoglio: 11 poliziotti militarizzati (CRPF) e quattro Salwa Judum vengono uccisi nello stato di Chattisgarh. 1 dicembre 2014, ancora a Chattisgarh,Le autorità portarono avanti diverse operazioni repressive sia come parte dell'operazione Green Hunt che come parte delle lotte popolari sostenute dall'IPC (maoista). Gli esempi includono l'omicidio del membro del Politburo Kishenji e la lotta del movimento popolare Jangal Mahal nel Bengala occidentale. Secondo le autorità, secondo quanto riferito, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco durante una sparatoria tra guerriglieri e forze di sicurezza il 24 novembre 2011. Ma i rapporti dell'autopsia e varie testimonianze rivelano che è stato catturato 24 ore prima della sua morte e che il suo il corpo portava tracce di torture. Il 1 luglio 2010, le autorità hanno annunciato di aver assassinato Azad, portavoce del membro del PCI (maoista) e del Politburo, che era stato inviato dal partito per tenere colloqui con il governo. È stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre guidava con un giornalista per inviare una nota dalle autorità alla direzione del partito per continuare i negoziati. Secondo dati ufficiali, secondo le notizie riportate, tra il 2005 e il 2015 sarebbero stati uccisi 2.193 militanti maoisti e, nello stesso periodo, i guerriglieri avrebbero sparato a 1.753 membri delle forze di sicurezza.I rivoluzionari indiani hanno avuto successo, nelle aree rurali che controllano per migliorare il tenore di vita della popolazione e dove sono in grado di offrire un'alternativa alla sinistra tradizionale e riformista. Soprattutto dopo il massacro dei contadini ordinato dal governo del Bengala Occidentale (governato dal Fronte di Sinistra Riformato) nel marzo 2007, quando si opposero alla ZES prevista a Nandigram. .I maoisti sono dipendenti sui progressi della guerra del loro popolo per creare una piattaforma culturale e politica diversa da quella che esisteva fino ad oggi in India - soprattutto per quanto riguarda la separazione di casta, l'oppressione feudale di famiglia e costumi - e, soprattutto, lontano dai corridoi del potere di cui gode la sinistra tradizionale. Che porta alcuni settori intellettuali indiani per mostrare una certa simpatia nei loro confronti, come Arundhati Roy, che si rifiuta di chiamarli immorali o  terroristi, o come il famoso musicista Ravi Shankar, che ha pubblicamente dichiarato che i maoisti sono "  ammirevoli  ".

2. Gli Adivasi o Popoli Indigeni dell'IndiaGli Adivasi, o gli indigeni dell'India formano una sostanziale minoranza della popolazione del paese. Sono particolarmente numerosi in Orissa, Bihar, Jharkhand e negli stati nord-orientali come il Mizoram. Sono ufficialmente riconosciuti, sotto la Costituzione, come Tribù Programmate ("tribù elencate"). Non sono affatto un gruppo omogeneo: oltre 200 tribù che parlano più di 100 lingue diverse, che variano molto per etnia, cultura e lingua. Costituiscono circa l'8% della popolazione dell'India, che rappresenta circa 68 milioni di persone secondo l'ultimo censimento del 1991. Sono distribuiti geograficamente tra le diverse regioni del paese,Un'altra concentrazione di aborigeni vive sull'altopiano dell'India centrale; nella zona delimitata da nord Narmada e Godavari sud-est, i popoli indigeni occupano i pendii montani della zona. Il gruppo più numeroso, i Santâls, vive a Jharkhand, nel Bengala occidentale. Gli stati centro-indiani ospitano alcune delle più grandi tribù del paese e circa il 75% di tutti gli aborigeni vive lì, rappresentando circa il 10% della popolazione della regione. Ci incontriamo con i più piccoli numeri di aborigeni in Karnataka, Tamil Nadu e del Kerala, ai piedi dell'Himalaya ea nord, nel Gujarat e Rajasthan, e, ovviamente, nei territori di Laccadive e Andamane Isole e Nicobar.



Mappa delle popolazioni aborigene

Percentuali della popolazione aborigena nella popolazione totale degli stati dell'India secondo il censimento del 1991Le tribù aborigene tendono a formare unità economiche autosufficienti. Spesso praticano il "taglia-e-brucia" piuttosto che l'agricoltura intensiva tipica di gran parte dell'India rurale. Per la maggior parte degli aborigeni, i diritti di utilizzo del suolo deriva semplicemente e tradizionalmente dall'appartenenza tribale. La società tribale tende ad essere egualitaria, la posizione di leader è legittimata piuttosto da considerazioni di valori personali che da eredità. Le religioni tribali non identificano alcuna autorità al di fuori della tribù. La maggior parte delle tribù aborigene si concentra in aree altamente forestali che combinano l'inaccessibilità con un limitato interesse politico o economico. Storicamente, l'economia della maggior parte delle tribù era caratterizzata dall'agricoltura di sussistenza, caccia e raccolta. Gli aborigeni tradizionalmente limitavano il loro contatto con l'esterno ad alcune delle necessità che mancavano, come il sale e il ferro, e facevano affidamento sugli artigiani locali per fornire articoli come utensili da cucina.





Adivasi abitanti del villaggioAdivasi abitanti del villaggio nella regione di Lalgarh, dove i guerriglieri maoisti sono particolarmente ben radicati nelle comunità aborigene
Villaggio AdivasiUn villaggio adivasi nello stato di Orissa



Intorno al 1900, molte aree precedentemente isolate sono aperte alla realizzazione degli agricoltori da parte del governo coloniale, migrante (non indigeni indiani) che riceve un titolo in cambio di coltivazione. Per gli aborigeni come per gli indiani in generale, tuttavia, la terra era, il più delle volte, considerata come una risorsa comune, libera da utilizzare per coloro che ne avevano bisogno per il proprio sostentamento a fronte del pagamento di un canone al sovrano ("modalità di produzione asiatica"). L'introduzione dagli inglesi del concetto di proprietà della terra causerà espropriazione di massa degli aborigeni e l'emergere di una classe di ricchi proprietari terrieri () e un altra di strozzini che sarà la fonte di un impoverimento terrificante della campagna indiana.Il miglioramento delle comunicazioni, la costruzione di strade e un più frequente intervento del governo hanno portato ad un aumento dei contatti da parte degli aborigeni che erano ancora protetti dal loro isolamento negli anni '50 . Durante gli anni '60 e '70, l'insediamento di commercianti non aborigeni era molto comune nei villaggi tribali. Quest'ultimo spesso vende i suoi beni a credito, con un alto tasso di interesse, molti aborigeni si sono pesantemente indebitati o hanno ipotecato la loro terra. Questi commercianti incoraggiano anche gli aborigeni ad abbandonare le colture di sussistenza per colture industriali come il cotone o le ruote, aumentando la loro dipendenza dal mercato per le forniture di base. L'indebitamento è così ampio che, sebbene tali transazioni siano illegali,



Evento AdivasisAdivasis protesta nell'agosto 2009 di fronte al governo di Jharkhand che ha deciso di spostare gli aborigeni a beneficio delle compagnie minerarie
Adivasi armati di archiGli Adivasi avevano solo archi e frecce per opporsi alla polizia e alle milizie prima dello sviluppo dei guerriglieri maoisti. Queste armi 

rimangono simbolicamente brandite in manifestazioni di massa


Durante gli anni '70, la pressione sulle terre tribali aumentò, in particolare nell'India centrale. 
Le migrazioni sulle terre tribali sono aumentate drammaticamente a mano a mano che le spoliazioni sono aumentate attraverso molti metodi come il rimborso del debito o la corruzione di funzionari catastali. Molti aborigeni sono diventati lavoratori senza terra negli anni '60 e '70, e le aree che erano state il dominio esclusivo delle tribù alcuni anni fa ora hanno una popolazione sempre più mista.
Le politiche governative sulle riserve forestali hanno profondamente influenzato la vita degli aborigeni, a volte costringendoli ad una resistenza armata. Il disboscamento intensivo, reso possibile dalla corruzione di funzionari locali, ha spesso consentito agli stranieri di effettuare tagli di grandi dimensioni, mentre la raccolta aborigena era fortemente regolamentata e ha portato alla sostituzione di foreste ricche di flora che consentivano la perpetuazione della vita tribale nelle piantagioni di monocolture. Le popolazioni aborigene sono le prime vittime dell'inquinamento idrico da parte delle compagnie minerarie, dall'industria.Ogni progresso dell'India capitalista è stato una tragedia per le comunità aborigene. Negli anni '60, un giacimento di uranio fu scoperto a Jadugoda, un villaggio nativo nello stato di Bihar. Nel 1967, UCIL, la Uranium Corporation of India Limited aprì una miniera lì. All'inizio la fattoria consisteva in un pozzo e un laghetto. Nel corso degli anni, la società sta crescendo. Oggi ha tre miniere e tre stagni su un perimetro di una decina di chilometri. Per tre generazioni, gli aborigeni che vivono all'ombra della compagnia hanno avuto il 35% dei loro neonati segnati da malformazioni. Il tasso di radioattività dell'aria, del suolo e dell'acqua raggiunge 50 volte il limite di sicurezza raccomandato dalle norme internazionali. I villaggi di Chatikocha e Dungriddih, il più vicino agli stagni di sterili, il 50% degli abitanti è infetto o malato. Nessuna delle 130 famiglie che popolano questi due villaggi è risparmiata. Si ritiene che le coppie siano tutte sterili perché non un bambino è nato lì da quasi quattro anni.






Bambino vittima di malformazioni
Bambino vittima di malformazioniDue bambini nati con malformazioni nella regione di Jadugoda
Botte di uranioConcentrato di uranio ("yellowcake") conservato all'aperto a Jadugoda


Gli Adivasi hanno pagato un prezzo sproporzionato per importanti progetti di sviluppo per la modernizzazione dell'India, progetti che hanno fornito minerali, acqua ed elettricità per l'evoluzione di una società urbana e industriale del paese. La liberalizzazione e la globalizzazione all'inizio degli anni '90 hanno aggiunto una nuova dimensione al problema aprendo vaste risorse minerarie nelle regioni adivasi, in precedenza accessibili solo principalmente alle aziende del settore pubblico, per lo sfruttamento rapace di varie multinazionali indiane e Esteri. Per queste società, sempre più sostenute dal capitale globalizzato e finanziario, era l'ultima frontiera in India. E mentre le loro devastazioni aumentavano nelle regioni adivasiche, aumentava anche la resistenza delle masse degli adivasi. Ovunque nel mondo, quando sono spinti contro il muro dal capitalismo, la gente si difende e resiste. Gli Adivasi, con la loro lunga storia di resistenza e ribellione, non hanno fallito.


3. Il movimento di Lalgarh




Il Jangalmahal non è l'obiettivo diretto delle aziende che cercano ricchezza mineraria, ma non diminuisce la miseria delle persone. Lì, i residenti sono vittime del legame tra i funzionari forestali, mercanti di foglie Tendu e legname, imprenditori e politici corrotti spinge la gente nel pantano della povertà, sfruttamento e umiliazione . 

Gli abitanti hanno poca terra, in assenza di attrezzature per l'irrigazione, le rese dell'agricoltura sono scarse. Ciò ha portato alla migrazione di massa della forza lavoro per lavoro agricolo in altre parti dello stato, o anche in altri stati, in particolare durante la stagione del raccolto.

 Il reddito da questo lavoro non è sufficiente per sostenere le famiglie durante tutto l'anno, e durante il periodo di magra, la carestia e persino la fame sono su una scala senza precedenti. Gli abitanti dipendono quindi totalmente dalle entrate supplementari dei prodotti forestali, ma anche qui sono ampiamente sfruttati dalle guardie forestali e dalla mafia. Ad esempio, i prezzi dei prodotti forestali, come le foglie allungate, sono estremamente bassi. Anche l'accesso ai prodotti forestali è lasciato ai capricci delle guardie forestali, e storie di uomini maltrattati o donne molestate che tentano di raccogliere legna da ardere sono un fenomeno quotidiano nella regione. L'assenza di misure di sviluppo come scuole, centri sanitari, strade, elettricità e attrezzature per l'irrigazione è una norma dei Governi locali, qualunque sia il partito al potere.

È in questo contesto che i maoisti sono apparsi alla fine degli anni 1990. Hanno mobilitato gli abitanti su questioni di sviluppo, richiedendo acqua, elettricità e attrezzature sanitarie, ma anche prezzi remunerativi. prodotti forestali e la fine delle molestie da parte dei ranger e della polizia. Le modalità di lotta erano pubbliche e costituzionali, con l'invio di delegazioni a funzionari locali e manifestazioni intorno agli edifici ufficiali. Ma il governo, invece di prendere in considerazione queste richieste, ha reagito con una repressione brutale. La polizia del Bengala occidentale ha fatto irruzione nei villaggi di Jangalmahal, innescando un regno di terrore sotto forma di percosse, torture, brutalità contro le donne e migliaia di cause legali su motivi fabbricati. I maoisti resistettero a questo terrore di stato e organizzarono la popolazione per resistere. 

Gli abitanti del luogo ottennero anche importanti vittorie poiché i maoisti furono in grado di imporre un aumento sostanziale del prezzo dei piccoli prodotti forestali come la foglia tenera. C'erano persino funzionari locali che riconobbero in privato che era uno dei maggiori contributi per migliorare la condizione degli Adivasi nell'intera regione forestale dell'India centro-orientale. I maoisti hanno guadagnato un sostegno sempre più popolare e hanno sviluppato una solida base nella regione. e hanno organizzato la popolazione per resistere. Gli abitanti del luogo ottennero anche importanti vittorie poiché i maoisti furono in grado di imporre un aumento sostanziale del prezzo dei piccoli prodotti forestali come la foglia tenera. C'erano persino funzionari locali che riconobbero in privato che era uno dei maggiori contributi per migliorare la condizione degli Adivasi nell'intera regione forestale dell'India centro-orientale. I maoisti hanno guadagnato un sostegno sempre più popolare e hanno sviluppato una solida base nella regione organizzando la popolazione per resistere. 




Dimostrazione contadina a Lalgarh


Questo modello di terrore di stato continuò per tutti gli anni 2000. La polizia iniziò a occupare le scuole in modo permanente, e gli abitanti dovettero affrontare quotidianamente umiliazioni e percosse, molestie e altri raid della polizia. I casi che sono stati fabbricati contro di loro sono diventati una piaga nella vita delle persone, lavoratori giornalieri che non potevano permettersi di sprecare giorni di lavoro per andare in tribunale o presentare una denuncia alla stazione di polizia.Nel novembre 2008, viene preso di mira il convoglio di Buddhabed Bhattacharjee, che tornava dalla inaugurazione di un impianto siderurgico della società Jindal e l'istituzione di un SEZ in Salboni. Il convoglio è esploso, ferendo sei poliziotti della sua scorta. A seguito di questo attacco, la polizia ha effettuato incursioni di rappresaglia nel villaggio di Lalgarh, nello Jangalmahal. Le atrocità della polizia, i raid indiscriminati e le brutali percosse sono aumentate, soprattutto contro le donne. Era la goccia d'acqua che ha spezzato la schiena del cammello.Gli abitanti si sono sollevati in massa, andando molto oltre i loro predecessori in altre parti del paese. Infatti, hanno sfidato le fondamenta dello stato sfidando il diritto dello stato di amministrare un popolo di cui non era pronto a riconoscerne l'umanità. Violenze sono scoppiate nel giugno 2009 a Dharampur a seguito di un attacco da parte del PCC (marxista), poi nel Bengala occidentale, contro una manifestazione guidata da donne. La popolazione è insorta e ha distrutto il palazzo di Anuj Pandey, il leader locale del CPI (marxista), uccidendo i suoi scagnozzi armati che stavano terrorizzando la zona. In questa rivolta di massa, i maoisti, che erano stati la spina dorsale organizzativa del movimento a causa della loro presenza di lunga data e del lavoro organizzativo nella regione, si fecero avanti. Fu allora che l'Operazione Lalgarh, avviata dal governo del Fronte di Sinistra del Bengala Occidentale, fu lanciata in collusione con il governo UPA guidato dal Congresso a Delhi. Hanno inviato forze di sicurezza locali e centrali nella zona per "rioccupare" il Jangalmahal. Questi soldati furono raggiunti da miliziani armati del PCI (marxista). Per coincidenza, Jangalmahal si trovò nell'operazione Green Hunt (vedi il nostro prossimo capitolo), che era in corso da un po 'nelle aree forestali intorno all'India centrale. La rioccupazione dell'area, indispensabile per le autorità, può essere spiegata come segue: la regione di Jangalmahal è vicina alle regioni forestali del Jharkhand. Ma con Chhattisgarh, Maharashtra e Orissa, Dal 2008, Jharkhand è stato preso di mira dall'operazione Green Hunt ed è una parte importante della zona maoista. Come potrebbe lo stato consentire a una regione così cruciale di essere destabilizzata da una zona "liberata" di fatto? Era quindi necessario schiacciare il movimento di Lalgarh.


Intervento della polizia a Lalgarh


Fino al 2011, le operazioni delle forze di sicurezza continuarono, facendo sempre più vittime tra gli Adivasi e i simpatizzanti del movimento. Dopo le elezioni locali del 2011 e la perdita del potere del PCI (marxista) dopo 34 anni di potere nello stato, gli abitanti hanno avuto un barlume di speranza. Mamata Banerjee, durante la sua campagna, ha promesso di interrompere le operazioni e rilasciare tutti i prigionieri politici. L'impegno è durato 15 giorni tra il 15 maggio e il 1 giugno 2011. Poi, le atrocità sono continuate, villaggi assediati, case saccheggiate e arresti indiscriminati sono tornati in vigore. Inoltre, maggiori restrizioni alle attività democratiche come  manifestazioni popolari. Durante questo periodo, studenti appartenenti a varie organizzazioni studentesche di Adivasi sono stati arrestati e percossi nelle celle, le case di diversi prigionieri politici sono state saccheggiate, ecc. Nei sei mesi successivi alle elezioni, più di 300 persone furono arrestate e il governo costituì una milizia di autodifesa, Jan Jagran Manch. Ha scatenato un regno di intimidazioni, costringendo le persone a unirsi e agire come informatori. Queste persone sono diventate gli occhi e le orecchie delle forze statali. 


Arresto a Lalgarh

Nel luglio 2011, Mamata Banerjee ha lanciato un appello ai guerriglieri maoisti, chiedendo il loro ritorno al mainstream e la consegna delle armi. I leader di partito reagiscono proponendo colloqui di pace con il governo, avanzando alcune richieste. Affinché questi colloqui possano avvenire, i maoisti chiedono il ritiro delle truppe dal Jangalmahal e il rilascio di molti dei loro alti dirigenti detenuti in varie prigioni del Bengala Occidentale (Si noti che il loro rilascio era parte del programma elettorale di Mamata Banerjee) . Per diversi mesi, entrambe le parti cercano la contrattazione. Le autorità incontrano i prigionieri maoisti, inoltre contattano varie organizzazioni a sostegno della lotta popolare a Jangalmahal. Ma il 24 novembre, Kishenji, uno dei leader maoisti che guidano la battaglia di Lalgarh viene ucciso a colpi d'arma da fuoco in una remota area boscosa del Bengala Occidentale. Le autorità dicono che è stato ucciso in una sparatoria feroce, che è rapidamente accusata dal CPI (maoista) e dai suoi sostenitori. L'assassinio arriva mentre Kishenji, durante il mese di ottobre, ha preso contatto con i leader politici di Jungalmahal e ha lavorato per stabilire una tregua con il governo. In risposta, l'IPC (maoista) ha detto che stava bloccando qualsiasi processo negoziale e ha richiesto un'indagine indipendente sulla morte del suo leader. Dalla parte dei negoziatori del governo, anche i tempi di questi omicidi sono stati denunciati a lungo.

La morte di Kishenji, così come l'arresto della maggior parte dei leader regionali dell'IPC (maoista), hanno causato una grave battuta d'arresto per il partito nella regione. Da parte loro, le autorità si vantano della pace restituita. Ma in fondo, non è cambiato nulla, le molestie, la corruzione, la mancanza di infrastrutture e gli interessi delle autorità per lo sviluppo sostenibile nella regione sono fermi Dal 2013, il CPI (maoista) sta cercando di riorganizzarsi nel Jangalmahal, diverse squadre hanno condotto varie azioni negli ultimi due anni.

4. Operazione Green Hunt



A metà ottobre 2014, i media indiani hanno riferito di una nuova "lotta" e di "feroci spari" nelle aree forestali del distretto di Bijarpur, Chhattisgarh. Tre "donne maoiste" sono state scattate durante lo scontro a fuoco con le forze di sicurezza composte da centinaia di poliziotti militarizzati del CRPF e la polizia locale, che sono rimasti tutti  illesi. 

E 'sempre difficile discernere il bene dal male in questo tipo di rapporto, ma questo nuovo episodio 'ricorda gli orrori della 'lotta' fittizia degli abitanti dei villaggi adivasi Sarkeguda Ekakmetta nel 2012 e nel 2013 nello stesso distretto di Bijapur. Questi massacri furono anche presentati dalle forze di sicurezza come "  intense sparatorie con i Naxaliti ". E i media hanno poi ripetuto queste informazioni. Nonostante i disperati tentativi della polizia, del CRPF e del Ministero degli Interni di chiudere le falle, è stato subito evidente che durante questa sera del 28 giugno 2012, più di 600 membri del CRPF, il guerriglieri Cobra e la polizia locale avevano circondato la frazione Sarkeguda e  aperto il fuoco indiscriminatamente su centinaia di adivasi dai villaggi vicini che si erano riuniti per discutere i preparativi per la festa annuale della semina. Il Ministro degli Interni del tempo, P. Chidambaram aveva poi affermato che i suoi uomini avevano inseguito "i maoisti", ma la stessa ammissione del Ministro degli affari tribali, tra le venti persone che sono state uccise almeno dieci adolescenti; un bambino gravemente ferito (non aveva quattro anni) non avevano armi; e nessuno aveva precedenti penali.

Un simile massacro ebbe luogo un anno dopo nel villaggio di Edakmetta, nello stesso distretto di Bijapur. Il 20 maggio 2013, nel bel mezzo della notte, le forze di sicurezza circondavano gli abitanti del villaggio che si erano riuniti per celebrare la festa dei semi e una raffica di proiettili sono stati sparati contro di loro, uccidendo otto abitanti del villaggio, tra cui tre bambini, tutti disarmati. Questa è la storia delle "lotte" brutali e fittizie negli ultimi cinque anni di guerra guidata dal governo a nome dell'operazione Green Hunt. Il termine "Operazione Green Hunt" è stato coniato dai media indiani per descrivere l'offensiva totale lanciata contro i maoisti nel 2009 a Chhattisgarh.

Corpo di un maoista uccisoI soldati portano il corpo di una presunta donna maoista che hanno appena sparato



I cinque stati principalmente presi di mira da Green Hunt sono principalmente abitati da popolazioni tribali e particolarmente ricchi di risorse naturali. Negli ultimi anni, il governo indiano ha firmato centinaia di memorandum d'intesa con grandi compagnie indiane come Tata, Birlas, Ambani, Mittal e multinazionali per consentire il saccheggio di queste risorse. I tribali, abitanti aborigeni del paese in cui si trovano queste risorse, sono decisi a difendere il loro sostentamento, la loro vita e la loro dignità contro il modello di distruzione e deportazione introdotto dal governo in nome del progresso e sviluppo.Pertanto, le autorità che si sono impegnate con questi grandi gruppi capitalisti, sono decise a sopprimere qualsiasi movimento di resistenza volto a impedire la costruzione di fabbriche, l'erezione di grandi dighe o l'estrazione industriale sulle colline. E la resistenza tribale è organizzata e armata dai maoisti. Anche questa guerra contro il popolo è stata dichiarata per facilitare la vendita di risorse naturali per miliardi di dollari.E le autorità si sono dati i mezzi. Nel 2009, quando fu lanciata l'operazione Green Hunt, il governo decise di schierare 80.000 forze paramilitari nell'offensiva anti maoista. Questi sono stati supportati da 10 elicotteri armati della Indian Air Force. A metà del 2012, secondo alcune fonti, più di 100.000 soldati della CRPF, la forza di sicurezza di confine, indo-tibetano Polizia di frontiera e le forze  Cobra sono stati mobilitati nelle operazioni anti-maoisti. Il 3 gennaio 2013, il governo ha autorizzato lo schieramento di 10.000 truppe aggiuntive a Bastar, Odisha e parti del Jharkhand. Nel maggio 2013, quasi 84.000 uomini della CRPF sono stati posizionati negli stati colpiti dai guerriglieri maoisti per rafforzare l'offensiva. A marzo 2014, la cifra di 286. 200 uomini del CRPF e 100.000 uomini di altre forze paramilitari impegnati in 10 stati del paese sono stati promossi da varie organizzazioni. L'8 giugno 2014, il Ministro degli Interni ha approvato lo schieramento di 10.000 paramilitari aggiuntivi solo per lo stato di Chhattisgarh. Nell'agosto 2014, 2.000 uomini dei battaglioni della riserva indiana del Nagaland furono inviati a Bastar, rendendo la regione l'area più militarizzata dell'India. Le autorità hanno schierato droni per operazioni anti-maoiste in Bihar, Chhattisgarh e Jharkhand. Insoddisfatti della qualità dei risultati, l'Organizzazione per la Ricerca e lo Sviluppo della Difesa ha preso l'iniziativa di sviluppare droni con radar a bassa frequenza per facilitare la caccia ai guerriglieri nelle giungle.




Operazione Green Hunt



Cinque anni dopo l'inizio di questa vasta offensiva, i beneficiari rimangono gli stessi. E il governo continua a sostenere le sue forze di sicurezza con le unghie e con i denti, nonostante tutte le indagini  contro ogni assassino da essi commesso. 

 Alcuni mesi dopo, Rajnath Singh fece un passo in più dicendo che durante il suo mandato come capo ministro dell'Uttar Pradesh, stava dando ai poliziotti carta bianca per gestire i maoisti e assicurò loro che non avrebbero  "disturbato" la Commissione per i diritti umani che aveva avviato una serie di indagini. Con queste dichiarazioni, sta preparando apertamente il terreno per altre "lotte", per altri massacri, saccheggi, stupri, torture da parte delle forze di sicurezza che hanno il pieno appoggio del governo.


4. Alcuni famosi prigionieri


Chhatradhar Mahato, presidente e membro fondatore del Comitato popolare contro le atrocità della  polizia, è stato arrestato il 26 settembre 2009 in un'operazione condotta dalla polizia del Bengala occidentale nel villaggio di Birkar, vicino a Lalgarh. Questo arresto è avvenuto in violazione delle leggi indiane, l'uomo è stato arrestato da agenti di polizia travestiti da giornalisti e senza mandato di arresto. 

L'attivista di Adivasis Chhatradhar Mahato ha creato il PCAPA nel novembre 2008 in seguito all'attacco a Salboni. Alla testa di questo movimento popolare, Mahato, intendeva combattere la violenza della polizia e dei paramilitari contro la popolazione principalmente indigena della regione. Dalla sua creazione, l'organizzazione è stata catalogata dalle autorità come organizzazione di prima linea dei guerriglieri maoisti, con conseguente repressione dei suoi membri e di tutte le sue azioni. L'arresto del suo leader è usato dalle autorità per terrorizzare tutti coloro che cercano di sostenere il movimento dei popoli minoritari nel Lalgarh, sostenendo che simpatizza con i guerriglieri maoisti. Dal 2009, Mahato è stato incriminato in 38 diversi casi, tutti nell'ambito della legge sulla prevenzione delle attività illecite. Questa legislazione antiterrorista fornisce al governo completa discrezionalità per arrestare e detenere arbitrariamente persone senza definire chiaramente i reati a loro attribuiti. Da allora ha ricevuto la cauzione per 37 accuse, ma rimane incarcerato per l'ultima, che è stata avviata poco dopo essere stato assolto dalle  37. Ciò riguarda l'uccisione di due poliziotti a Purulia. La strategia messa in atto dal governo per mantenere i prigionieri politici in stato di detenzione è abbastanza chiara, e ovviamente illegale, antidemocratica e vendicativa. Non appena un prigioniero viene rilasciato (anche su cauzione) per un caso, viene coinvolto in un altro caso dalle autorità. In questo modo, il governo tiene continuamente questi attivisti in prigione, di solito sotto con pretesti. Nel contesto del caso di omicidio di Purulia, a metà febbraio 2015, la difesa di Mahato ha annunciato che dovrebbe essere nuovamente assolto . Infine, il giudice ha decretato nel maggio 2015, e Mahalo, insieme ad altre cinque persone, è stato condannato all'ergastolo. I suoi avvocati fecero immediatamente appello.





Kobad Ghandy




Kobad Ghandy 

proviene da una famiglia benestante, suo padre è il direttore finanziario del colosso farmaceutico Glaxo. Dopo aver studiato presso i più grandi college di Mumbia, andò a tenere corsi di contabilità a Londra. Ci si trova di fronte per la prima volta in politica scontando una condanna a due mesi di carcere dopo essere stato trovato in un'ondata di violenza a margine di una manifestazione contro il razzismo. Tornato a Mumbai, si unì a vari movimenti studenteschi popolari prima di avvicinarsi ai Naxaliti. Alla fine del 1970, ha fondato il Comitato per la salvaguardia dei diritti democratici prima di entrare in clandestinità a metà 1980. Membro del Comitato Centrale del PCI (Maoista) e il suo Politburo Kobad Ghandy è responsabile di alcune delle pubblicazioni del partito. È stato arrestato a Delhi il 20 settembre 2009 mentre era in città per cure mediche. Le autorità lo accusano, tra le altre cose, di essere stato inviato dal partito nella capitale per svolgere attività di propaganda e di reclutamento nell'ambiente urbano. Dopo 14 giorni di detenzione, durante i quali è stato interrogato e torturato, Ghandy è stato trasferito a Tihar Jail a Delhi, dove è ancora tenuto nel 2015. affetto da cancro e varie malattie, è regolarmente spostato da una sezione all'altra, passando dalla sez. ad alto rischio a quella per detenuti  anziani, a discrezione delle autorità carcerarie. Dalla sua cella, Ghandy continua la sua lotta, regolarmente producendo scritti pubblicati da più giornali e partecipando a tutte le azioni e altri scioperi della fame organizzati dai prigionieri maoisti. Accusato ai sensi della legge sulla prevenzione delle attività illecite, le autorità lo accusano di propagare e diffondere l'ideologia maoista a Delhi e di lavorare per creare una rete urbana del partito. Il suo processo è iniziato nel settembre 2012 ed è ancora in corso a metà 2015, malgrado la salute del prigioniero si deteriori e continui a ricevere solo cure sporadiche.

Binayak Sen



Binayak Sen 

è un caso emblematico della storia militante indiana. C'è un caso famoso, difeso da tutte le maggiori organizzazioni umaniste borghesi come Amnesty, perché, ovviamente, senza alcun legame con l'insurrezione maoista. Come medico, Sen stava lavorando per rendere disponibili le cure mediche nelle giungle remote nel centro del paese. Vice Presidente dell'Unione Popolare per le Libertà Civili, ha denunciato regolarmente le violenze perpetrate dalle milizie al soldo del governo e paramilitari contro le popolazioni indigene con il pretesto della lotta contro i maoisti. Il suo semplice impegno umanitario bastò a fermarlo il 14 maggio 2007 per violazione della legge speciale sulla sicurezza pubblica di Chhattisgarh e della legge sulla prevenzione delle attività illecite. È accusato di sostenere e incoraggiare la violenza maoista. Secondo queste leggi anti-terrorismo che permettono al governo di tenerlo in detenzione, Binayak Sen rimarrà rinchiuso per sette mesi senza accuse. Nel marzo 2008, ha trascorso diverse settimane in isolamento, per la sua sicurezza, secondo le autorità della prigione. Il 25 maggio 2009, Sen viene rilasciato su cauzione principalmente per motivi di salute, ma probabilmente anche a causa di un'intensa mobilitazione internazionale. Da allora, sta ancora aspettando un possibile processo. Durante l'ergastolo di molti dei suoi coimputati in altri casi nel 2010, il governo ha revocato la libertà vigilata e Binayak Sen è stato riarrestato. Ma è stato rilasciato di nuovo.


Malla Raji Reddy



Tortura in India


Pubblicato annualmente dal Centro asiatico per i diritti umani (ACHR), un'organizzazione per i diritti umani democratico-borghese di Nuova Delhi, lo studio sulla tortura in India è devastante. Dal 1 aprile 2001 al 31 marzo 2009, 1.184 persone sono morte mentre erano nelle mani della polizia - e questa è la figura ufficiale della Commissione nazionale per i diritti umani . La maggior parte di queste morti è avvenuta nelle prime 48 ore di detenzione e una stragrande maggioranza è morta a seguito di percosse. Un numero uguale di persone verrebbe quotidianamente torturato a morte dall'esercito e dai paramilitari nelle aree insurrezionali del paese, dove una legislazione speciale conferisce quasi pieno potere ai soldati. 'Centinaia vengono uccisi, dozzine ricevono una compensazione finanziaria, ma solo tre o quattro agenti di polizia vengono condannati ogni anno ", riassume il direttore dell'ONG. A questo si aggiunge l'abuso commesso dalle milizie dei grandi proprietari terrieri. La pratica della tortura al servizio della "legge e dell'ordine" è diffusa in tutto il paese.È un sistema istituzionalizzato. Solo una manciata di poliziotti è stata condannata negli ultimi anni. Il Ministro degli Interni Allots Migliaia sono morti in custodia per malattie, incidenti, tentativi di fuga o suicidiLe leggi dell'India non riconoscono la tortura come un crimine di per sé. I funzionari delle forze dell'ordine sono anche soggetti a un regime legale speciale che dà loro relativa impunità poiché è il ramo esecutivo che ha il potere di decidere se perseguire o meno un ufficiale. E quando un caso viene effettivamente portato davanti a un tribunale, le scadenze sono assurde: occorrono tra 25 e 30 anni per finire con un processo contro un agente di polizia responsabile, che alimenta la cultura dell'impunità. Nel tentativo di restituire i belligeranti, il rapporto ACHR riporta anche cinque casi di abusi fisici da parte dei Naxaliti nel 2008: quattro contro informatori della polizia, uno contro un disertore guerrigliero.Un organismo nazionale per i diritti umani è stato istituito nel 1993. Ma la Commissione nazionale per i diritti umani (NHRC) preferisce compensare le vittime piuttosto che incoraggiarle a presentare reclami. Questo corpo mira finalmente a chiarire lo stato della generalizzazione della tortura e ad oscurare la portata del problema. Il governo indiano non ha ancora ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura, firmata nel 1997.




Vittima di tortura
Vittima di tortura



Una testimonianza

Linga è un giovane di una ricca famiglia della tribù Muriya, di Sameli, villaggio di Dantewada. Come ogni membro tribale della sua terra, la polizia lo esortò a scegliere: servire lo stato o essere considerato naxalite. Un governo paranoico richiede di avere ogni membro della tribù dalla sua parte, come informatori, come guida durante le loro operazioni nella giungla, come ausiliario di polizia speciale ... Quelli di loro che vengono uccisi in un impegno alla fine li hanno sempre contati come naxaliti morti. In questa lotta, la stessa parola non significa la stessa cosa per tutti.La mattina del 31 agosto, Linga fu rapito dalla sua casa di Sameli da poliziotti in borghese, ma armati. La polizia lo portò al campo di polizia della riserva centrale sulla strada per la stazione di polizia di Dantewada. In Dantewada, è  stato portato all'ufficio del commissario Amresh Mishra. 'Mi ha fatto sedere e mi ha colpito. Mi ha chiesto se ero figlio di un naxalite. Ho risposto che ero figlio di un contadino, che mio padre era stato membro del consiglio del villaggio. Poi mi hanno rinchiuso in una piccola stanza. Ho dovuto cacare, urinare e mangiare in questa stanza ... c'era un altro ragazzo con me. Era stato lì per un mese. Ci è stato permesso di lavarci meno di una volta alla settimana. Ci hanno torturato costantemente. Se non ci aiuti, diremo che sei naxalite e ti uccideremo. 'Quando è stato chiesto perché la polizia lo ha chiamato Naxalite, se i naxaliti sono venuti nel suo villaggio, se si fosse incontrato. Risponde: " I naxaliti hanno armi, quando vengono nel tuo villaggio, devi incontrarli. Ma non è un crimine solo ascoltarli. Anche la polizia ha le pistole, quando ci vogliono, dobbiamo andare anche noi. La differenza è che i naxaliti non ci colpiscono, ma la polizia non risparmia nessuno. 'Durante la detenzione di Linga, suo fratello ha introdotto un habeas corpus all'Alta Corte di Bilaspur. La stazione di polizia di Dantewada ha ricevuto un parere dall'Alta corte. Ciò ha costretto la polizia a cambiare strategia. Linga dice: "i miei capelli erano diventati molto lunghi ... avevo la barba ... ero sporco ...  mi hanno dato sapone, acqua, vestiti .. Mi portarono a Bilaspur, mi fecero vagare in tutti i mercati. I poliziotti mi hanno seguito a distanza. Se avessi provato a scappare, mi avrebbero abbattuto.Un Linga ben vestito, ben nutrito e ben rasato che vaga per i mercati con speciali agenti di polizia semina dubbi nelle menti dei Naxalite. Si sarebbero chiesti se si fosse unito alla polizia, o se fosse diventato il loro informatore. Ciò potrebbe provocare brutali rappresaglie. E questo è esattamente ciò che voleva la polizia, per chiudere tutte le porte a Linga. Sebbene sia stato torturato mentre era sotto la custodia della polizia, Linga ha detto alla corte di non essere stato torturato. Il tribunale ordina alla polizia di rilasciarlo. È rimasto in detenzione illegale dal 31 agosto al 6 ottobre. Gli è stato chiesto perché ha mentito in tribunale. Avevo paura per la mia vita. Non avrei mai saputo se sarei sopravvissuto. Durante la sua detenzione, Linga ha quindi accettato l'accordo della polizia: non avrebbe parlato della tortura e in cambio, la polizia non avrebbe insistito sul fatto che sarebbe diventato un ufficiale di polizia speciale e lo avrebbe lasciato andare. Sapeva che non era al sicuro nella custodia della polizia. Sapeva che non era al sicuro al di fuori di entrambi. Non c'era nessun costo, nessun caso, nessuna prova, non ancora ... Pensa che la polizia di Dantewada proverà a vendicarsi. Ma se sopravvive e non ottiene giustizia, diventerà naxalite. La famiglia di Linga è ricca e potrebbe passare alla corte di Bilaspur.



Forze di sicurezza in azione
Per saperne di più
Lal Salaam
Cover Wrap


Sulla scia di Naxalbaritraccia la grande insurrezione maoista in India dalla sua nascita nel 1967 alla sua spaventosa repressione nei primi anni settanta. Sumanta Banerjee dettaglia e contestualizza gli episodi, con un notevole mix di prossimità e distanza. Prossimità, perché l'autore era direttamente coinvolto negli eventi; distanza, perché questo libro è stato scritto e riscritto con il senno di poi necessario. Il risultato è un libro pieno di fonti ed esperienze dirette ma anche di documenti ufficiali resi più tardi accessibili, sia rigorosi che empatici, che portano la luce migliore su questo importante episodio della storia dell'India. Questa pubblicazione (edizioni Academia, traduzione di J.

Per maggiori informazioni: www.jadarshini.be 


Nella giungla con i maoisti indiani. 

Italia/Bologna: Attaccata la sede fascista di Forza Nuova

10 dicembre. La sede dei ratti fascisti di Forza Nuova nel quartiere bolognese di Borgo Panigale, è stata attaccata con un ordigno ar...